Balbuzie: scoperta la causa genetica

Balbuzie: scoperta la causa genetica

Una delle possibili risposte alla balbuzie o, meglio, una delle sue cause potrebbe essere nascosta nel Dna: tre mutazioni genetiche potrebbero scatenare il disturbo del linguaggio

da in Cervello, DNA, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Balbuzie, causa genetica

    Balbetti? Potrebbe essere tutta colpa della genetica, almeno stando ai risultati di un recente studio, condotto dai ricercatori del National Institutes of Health statunitense, che ha evidenziato la presenza di alcune particolari mutazioni genetiche coinvolte nella comparsa della balbuzie.

    La balbuzie potrebbe avere una causa genetica: la risposta a quelle difficoltà di esprimersi, a quei piccoli e grandi difetti di linguaggio e di comunicazione potrebbe essere nascosta nel corredo genetico, nel Dna della persona balbuziente. Questione di geni o, meglio, di mutazioni genetiche, tre in particolare, che, secondo gli scienziati d’oltreoceano influenzano il modo in cui il cervello elabora parole, frasi e discorsi.

    Dito puntato contro queste tre mutazioni genetiche, che, secondo quanto esposto dagli esperti statunitensi in occasione del meeting dell’American Association for the Advancement of Science, a Washington, sarebbero molto comuni nelle persone balbuzienti.

    Non è tutta colpa dei geni, le cause del disturbo, i fattori che concorrono a determinarne l’insorgenza sembrano essere molteplici, ma si tratta di una scoperta davvero interessante, che potrebbe aprire nuove prospettive di studio, diagnosi e trattamento della balbuzie.

    “E’ chiaro che questi difetti non sono la sola causa del disturbo; una grande frazione del disturbo non è probabilmente genetica per tutti, ma questi geni ci stanno fornendo un sacco di sorprese. A occhio e croce circa la metà delle balbuzie è dovuta a quello che ereditiamo dalla famiglia” ha evidenziato lo scienziato che ha guidato il team di esperti statunitensi, Dennis Drayson.

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloDNANews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI