Azotemia alta: sintomi, cause e cure

Azotemia alta: sintomi, cause e cure

azotemia alta sintomi cause cure

L’azotemia alta può essere rapportata a cause differenti. Ma che cos’è di preciso l’azotemia? Si tratta del valore che riesce a misurare la quantità di scorie che derivano dalla sintesi delle proteine contenute nel sangue. Il valore è legato alla funzionalità dei reni e ci consente di appurare quante scorie azotate sono rimaste nella nostra circolazione. In genere l’azotemia, che sia alta o che sia bassa, indica la presenza di alcune patologie legate ai reni. Tuttavia si deve precisare che spesso i valori alterati sono determinati da alcuni comportamenti sbagliati, come una dieta scorretta o un’eccessiva attività fisica.

Azotemia alta: sintomi

I sintomi più evidenti dell’azotemia alta sono costituiti dall’astenia, dal vomito, dal pallore e dal dimagrimento eccessivo. Sono tutte manifestazioni sintomatiche che rimandano all’insufficienza renale. Altri sintomi che si possono riscontrare sono rappresentati dal tremore, dalla tachicardia, dall’aumento della pressione e da una ridotta produzione di urina.

Sarebbe opportuno effettuare almeno un test all’anno e seguire uno stile di vita sano. Le complicanze e le conseguenze dell’azotemia alta possono anche essere gravi e riducono in maniera notevole le aspettative di vita, specialmente se ad essere compromesso è il funzionamento dei reni.

Azotemia alta: cause

Dobbiamo fare attenzione perché le cause dell’azotemia alta possono essere varie e possono presentarsi anche in concomitanza con una normale funzionalità renale. Fra le cause principali di azetomia alta sono da annoverare: eccessiva sudorazione, scompenso cardiaco, digiuno, diabete, insufficienza cardiaca, febbre, dieta iperproteica, disidratazione provocata da diarrea abbondante.

In gravidanza l’azotemia diminuisce nel corso del primo trimestre di gestazione e di solito rimane più bassa per tutto il periodo della gravidanza. Se i valori non diminuiscono o se si è in presenza di valori alti durante la gravidanza, è bene consultare uno specialista nefrologo. Il test dell’azotemia rientra sicuramente fra gli esami da fare in gravidanza.

Azotemia alta: cure

Per curare l’azotemia alta è importante innanzi tutto prestare attenzione alla propria alimentazione. E’ importante seguire una dieta ipoproteica, evitando di mangiare alimenti come la carne rossa, il salame, la bresaola, il prosciutto crudo, il grana, il tonno e il merluzzo. L’alimentazione corretta può comprendere salumi, ma senza esagerare.

Inoltre è importante bere di più, per aiutare i reni nella loro funzione di pulizia del sangue.

492

Leggi anche:Omocisteina alta: cause, rischi e cosa fareSideremia alta, sintomi, cause e valori in gravidanzaIl racconto e la lettura ad alta voce aiutano lo sviluppo del bambinoDiarrea: alta mortalità in Europa secondo l’Oms

Segui Tanta Salute

Sab 14/07/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici