Avvelenamenti: sui pigiamini dopo l’inchiesta di Altroconsumo giunta la precisazione di Upim

Avvelenamenti: sui pigiamini dopo l’inchiesta di Altroconsumo giunta la precisazione di Upim

Avvelenamenti: sui pigiamini dopo l'inchiesta di Altroconsumo giunta la precisazione di Upim

da in Avvelenamento, Benessere, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    A proposito dei pigiamini per bambini avvelenati di cui si era parlato e seguito ad un’indagine effettuata da Altroconsumo, sono arrivate, ad Help Consumatori, l’Organo di Stampa a difesa dei Consumatori, le smentite della Upim che era stata tirata in ballo da Altroconsumo e che ci sembra giusto riportare così come giunta la precisazione al fine di fare chiarezza sull’argomento.

    “La presunta irregolarità riscontrata dal test di Altroconsumo riguarda esclusivamente un colorante”, ha dichiarato il portavoce Upim citando gli eventuali danni alla salute nel tempo per i bambini che indossassero il pigiamino Upim Blukids. E poiché l’indagine di Altroconsumo aveva accertato la presenza di un colorante azoico che rilascia un’ammina (la 4-methyl-m-fenilenediamina) cancerogena e limitata dalla Direttiva 2002/61/CE e il capo di abbigliamento per l’infanzia ne rilascia 52ppm, si evinceva, secondo l’inchiesta che vi fosse una quantità superiore al limite massimo consentito di 30ppm;

    Upim ha precisato però, che la società “si avvale esclusivamente di fornitori (selezionati da UPIM e da propri incaricati in base a rigidi parametri), ai quali viene richiesto di realizzare prodotti a norma delle vigenti leggi italiane in materia, esplicitamente vietando, nel confezionamento degli stessi, l’utilizzo di sostanze nocive alla salute”.

    “Inoltre – continua Upim – il ritiro dal commercio del pigiama Blukids (appartenente alla collezione autunno-inverno 2007) è stato effettuato su base cautelativa e volontaria.

    Il capo in questione è stato fatto testare dalla Società internazionale di certificazione SGS ed i risultati del test non hanno riscontrato alcuna irregolarità”.

    Dunque secondo Upim “la presunta irregolarità riscontrata dal test di Altroconsumo riguarda esclusivamente un colorante, mentre tutti gli altri parametri analizzati sono stati giudicati con ottimo o buono”.

    332

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AvvelenamentoBenessereNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI