Avena: proprietà nutrizionali e dimagranti, benefici e controindicazioni

Avena: proprietà nutrizionali e dimagranti, benefici e controindicazioni

Molte sono le proprietà nutrizionali, dimagranti e i benefici dell’avena

da in Alimentazione, Mangiar Sano
Ultimo aggiornamento:

    avena fiocchi

    Se dell’avena consideriamo le proprietà nutrizionali e dimagranti, i benefici e le controindicazioni, ci accorgiamo che questo cereale è veramente straordinario e quindi non dovrebbe mai mancare nella nostra alimentazione. Oltre a fornirci molti carboidrati, è utile per le fibre, per la riduzione del colesterolo, per la formazione delle proteine e può essere consumato anche da chi soffre di celiachia. Ma scopriamone di più: l’avena è davvero una fonte di salute.

    Le proprietà nutrizionali e dimagranti



    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    389 kcal66 g7 g14 g16 g


    Le proprietà nutrizionali e dimagranti dell’avena sono molto evidenti. Specialmente i fiocchi d’avena possono essere inseriti all’interno di una dieta, con l’obiettivo di mantenere sotto controllo il peso corporeo. Infatti, dopo che consumiamo questo cereale, rimane a lungo un senso di sazietà e questo sicuramente è un vantaggio per chi segue una dieta.

    Dal punto di vista nutrizionale, i chicchi contengono amido per il 60-70%, insieme ad altri carboidrati. Il 14% è costituito da proteine e il 7% da grassi. Inoltre l’avena contiene molte vitamine del gruppo B, enzimi, sali minerali, come calcio e fosforo, oligoelementi e l’avenina, una sostanza che riesce a tonificare, a fornire molta energia e a mantenere in equilibrio il sistema nervoso. L’avena è facilmente digeribile, proprio per questo è indicata anche per chi soffre di gastrite o di colite.

    I benefici

    I benefici dell’avena sono molti. Questo cereale non provoca dei forti picchi insulinici e riesce a fornire al nostro organismo molta energia.

    Se durante la lavorazione viene mantenuta pura e non subisce contaminazioni con altri cereali, come, ad esempio, la segale o l’orzo, può essere ottima anche per chi soffre di celiachia o di intolleranza al glutine. L’avena contiene molte fibre, per questo permette al nostro intestino di funzionare al meglio.

    Inoltre studi scientifici hanno provato che potrebbe essere l’ideale per ridurre il colesterolo. Particolarmente importanti sono alcuni composti contenuti in questo cereale: gli avenantramidi. Sono degli antinfiammatori, che riescono a proteggere dai tumori, perché impediscono lo sviluppo delle cellule cancerose. L’avena è importante anche perché apporta gli amminoacidi essenziali, che sono necessari per la formazione delle proteine.

    Le controindicazioni

    La crusca d’avena è in grado di determinare la produzione di molti gas intestinali, che causano gonfiore addominale. Dovremmo sempre cercare di far abituare progressivamente il nostro corpo all’introduzione di una grande quantità di fibre. E’ importante, inoltre, che questo cereale venga masticato per bene, altrimenti può causare blocchi intestinali. E’ fondamentale, quindi, che stiano attenti coloro che soffrono di difficoltà di masticazione o di deglutizione, che per esempio possono essere causate da ictus, dall’uso di protesi dentarie o da mancanza di denti.

    576

    I 10 migliori cibi per la salute
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneMangiar Sano
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI