Attenzione alle allergie stagionali: cosa fare per non aggravarle

Attenzione alle allergie stagionali: cosa fare per non aggravarle

Per non aggravare le allergie stagionali è opportuno prendere alcune precauzioni: cambiare i filtri dell’aria condizionata, non rinviare l’uso dei farmaci e stare attenti alla sindrome orale allergica

da in Allergie, Allergie alimentari, Malattie, Polline, Rinite allergica
Ultimo aggiornamento:

    allergie stagionali pollini

    Le allergie stagionali possono essere molto fastidiose e rappresentare un vero e proprio problema. Ma cosa fare per difendersi dai pollini? E’ bene ricordare che una persona allergica sbaglia quando decide di chiudersi in casa, specialmente quando fa caldo. Se stiamo chiusi a casa con l’aria condizionata, non dobbiamo dimenticare che il filtro dell’aria condizionata stessa, quando è sporco, può rimettere in circolo batteri e allergeni.

    Per questo è opportuno cambiare spesso i filtri, soprattutto prima che inizi la stagione delle allergie. Aprire le finestre è molto importante per far cambiare l’aria in casa, ma non dobbiamo cadere nell’eccesso opposto.

    Le finestre infatti non devono essere tenute a lungo aperte, perché il polline può andarsi a posare sui mobili e dappertutto in casa, provocando reazioni allergiche. Non dimentichiamo che queste precauzioni sono molto importanti, anche perché, a causa di smog e pollini, le allergie sono in arrivo.

    Si calcola che sono 7 milioni gli italiani che soffrono di sintomi fastidiosi a causa delle allergie.

    Attenzione anche alla sindrome orale allergica, che è causata da una reazione alle proteine della frutta che possono simulare il contatto con il polline. In questo caso bisogna tenere in considerazione gli alimenti da evitare per chi è allergico ai pollini.

    Un altro errore da evitare riguarda il rinviare l’uso dei farmaci. Sotto consiglio medico i medicinali vanno presi appena si presentano i primi sintomi dell’allergia, perché altrimenti rischiamo di peggiorare la situazione.

    Inoltre è meglio evitare di ricorrere all’automedicazione, ma è sempre meglio consultare il medico o l’allergologo.

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieAllergie alimentariMalattiePollineRinite allergica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI