Attenzione agli incidenti in bicicletta: ecco tutti i pericoli

Attenzione agli incidenti in bicicletta: ecco tutti i pericoli

Gli incidenti che avvengono tra gli amanti delle due ruote, in particolar modo in città, sono sempre più frequenti

da in Addome, Cervello, Trauma cranico, Traumi
Ultimo aggiornamento:

    attenzione incidenti bicicletta conseguenze

    Gli incidenti in bicicletta che accadono in città sono sempre più frequenti con conseguenze, alcune volte, anche gravi. Proprio per questi motivi anche gli esperti si vedono costretti ad intervenire in qualche modo: con manifesti di sensibilizzazione e studi inerenti. Occorre far conoscere ai cittadini l’importanza di una maggiore attenzione, i pericoli che questi incidenti causano alla salute ed alla vita, e la necessità di mettere in sicurezza le strade e le piste ciclabili. Il messaggio è rivolto alle istituzioni, alle persone che abitualmente per necessità o obbligo si muovono all’interno delle città in bicicletta, e agli automobilisti che, nella maggior parte dei casi, per colpa o per sfortuna causano questi incidenti. Le conseguenze sono gravi, purtroppo anche fatali, in alcuni casi, in quanto l’urto con un’auto o con un mezzo pesante coinvolge parti del corpo vitali, come la testa e l’addome.

    La ricerca londinese

    la ricerca londineseLa ricerca, che ha analizzato le cause e gli esiti degli incidenti in bicicletta che avvengono in città, è stata condotta da studiosi londinesi, guidati dalla dottoressa Joanna Manson, traumatologa del Royal London Hospital. Il lavoro si è svolto nell’arco di sei anni, valutando, registrando ed esaminando tutti gli accessi al Pronto Soccorso dell’ospedale londinese per incidenti ciclistici. Precisamente gli studiosi hanno coinvolto nella ricerca 265 persone, nonostante il numero potesse essere molto più alto data l’alta frequenza di incidenti. Secondo la ricerca, pubblicata sull’Emergency Medicine Journal, il maggior numero di questi ultimi avviene per scontri che si verificano tra i ciclisti ed i mezzi di trasporto siano essi auto o più grandi. Registrando le entrate al pronto soccorso i risultati che ne sono scaturiti sono molto eloquenti. Come è logico pensare i dati cambiano se l’incidente avviene contro un’auto (molto più frequenti) o contro un mezzo pesante, come un furgoncino. La maggior parte degli incidenti avviene contro le auto, che provocano anche, per fortuna, il minor numero di decessi.

    In questi casi la parte del corpo coinvolta è la testa che subisce dei traumi senza conseguenze fatali, infatti la percentuale è intorno al 6%. Le conseguenze sono soprattutto trauma cranico con un decorso ospedaliero, dopo tutte le analisi di routine, molto veloce (nella maggior parte dei casi un giorno di ricovero).

    Conseguenze degli scontri tra ciclisti e mezzi pesanti

    conseguenze scontri ciclisti mezzi pesantiGli incidenti che avvengono contro mezzi pesanti, facilmente immaginabile, causano il maggior numero dei decessi (circa il 21%) e il prolungamento della permanenza ospedaliera (circa 12 giorni) con un decorso più delicato. In questi casi le parti del corpo interessate riguardano il torace, l’addome, il bacino, con conseguenti emorragie interne, traumi che necessitano il ricovero in un centro specializzato, ed una tempistica di azione molto veloce. È necessario che le persone che utilizzano la bicicletta per necessità di lavoro, ma anche per mantenersi in forma, e salvaguardare la propria salute, siano tutelati. E per questo motivo il numero degli studi e delle campagne di informazione e di sensibilizzazione è in aumento, come quella condotta sul Times chiamata Cities fit for cycling. Si dovrà agire, ed anche in tempi brevi, sulla sicurezza stradale, delle piste ciclabili, e degli stessi mezzi, soprattutto, di quelli pesanti, che dovranno essere muniti di sensori che avviseranno il conducente dell’imminente pericolo.

    659

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AddomeCervelloTrauma cranicoTraumi
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI