Aspirina: riduce i tassi di infarto e ictus

Aspirina: riduce i tassi di infarto e ictus

L’aspirina, uno dei farmaci più noti e diffusi, secondo un gruppo di ricercatori australiani, sarebbe in grado di salvare la vita a persone che hanno subito infarto e ictus

da in Farmaci, Ictus, Infarto, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Aspirina riduce infarti e ictus

    Uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, e condotto dai ricercatori australiani del George Institute for Global Health, ha sottolineato le potenzialità dell’aspirina nel ridurre il numero degli infarti e degli ictus, e quindi di salvare la vita a moltissime persone. Lo studio è stato condotto su 18mila persone ,di età compresa tra i 50 e gli 80 anni, sofferenti di ipertensione; il 20% sofferente anche di patologie renali croniche (CKD) da lievi a moderate.

    La ricerca, secondo quanto sottolinea la dottoressa Meg Jardine, ha permesso di appurare, come un’assunzione quotidiana di aspirina in un periodo di quattro anni potrebbe prevenire 54 morti di infarto, 40 di ictus e 40 attacchi cardiaci non mortali ogni 1000 persone con malattie renali.
    L’assunzione giornaliera di tale farmaco, ha prodotto effetti benefici in quelle persone che erano sopravvissute ad attacco di cuore o ictus: insomma ridurrebbe il rischio di recidive. Il più noto tra i farmaci, e maggiormente utilizzato dagli stati influenzali alle malattie cardiovascolari, oltre a tutti gli effetti benefici che possiede, è caratterizzata anche da vari effetti collaterali (in particolare la possibilità di emorragie interne, e lesioni a carico dell’apparato gastrointestinale).

    I ricercatori, infatti, hanno tenuto conto anche di questi effetti negativi. E’ stato appurato come un numero molto ristretto di pazienti abbia presentato tali effetti collaterali.

    Sino ad oggi non vi è alcuna prova evidente riguardo i benefici della terapia con aspirina per le persone ad alto rischio di malattie cardiache e ictus, compresi quelli con malattie renali croniche. Tuttavia le analisi effettuate hanno dimostrato che un’assunzione quotidiana di aspirina potrebbe salvare la vita a molte persone. In ogni caso gli studi devono andare avanti per confermare tali effetti benefici.

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciIctusInfartoMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI