NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Asma: più grave nei bambini teledipendenti

Asma: più grave nei bambini teledipendenti

Nel bambino che fa poco movimento le malattie dell'apparato respiratorio diventano una naturale conseguenza di uno stile di vita statico, colpevole della brutta abitudine dei bambini è spesso la televisione, che porta i piccoli a stare immobili in casa al posto di uscire a giocare

da in Apparato respiratorio, Asma, Bambini, Malattie, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Attacco Di Asma

    In fatto di asma sono i bambini più piccoli quelli che si trovano a pagare lo scotto delle ore trascorse davanti alla televisione: se passano più di due ore al giorno davanti all’apparecchio seduti e fermi rischiano di sviluppare un apparato respiratorio debole poco adatto alle fatiche quotidiane e predisposto a disturbi che possono anche portare all’asma.

    La scelta di sacrificare il tempo libero davanti alla televisione invece che fuori all’aperto verrà infatti pagata una volta che il bambino cresce; non si tratta solo della televisione, si tratta di altre dinamiche per cui alla fine l’organismo del piccolo viene compromesso.

    Lo sport e il movimento per il bambino sono fondamentali: rimanere in posizione seduta o prona per attività statiche non aiuta a sviluppare l’apparato respiratorio perché il bambino non compie respirazioni complete e profonde. Per questo motivo allora è preferibile che il bambino sia portato almeno un paio di volte al giorno all’aperto. La durata del tempo da dedicare alla camminata e alle corse deve essere di almeno due ore, per uno sviluppo sano e completo del suo piccolo corpo.

    I bambini che sono stati considerati dallo studio hanno una età compresa tra gli zero e gli 11 anni, i genitori hanno risposto a domande sulle abitudini dei figli e sui disturbi dell’apparato respiratorio.

    I bambini che guardavano più di due ore di televisione al giorno erano quelli maggiormente soggetti allo sviluppo di malattie di genere asmatico.

    Oltre che il movimento all’aria aperta, per il bambino, è necessario lo sviluppo delle difese immunitarie contro le allergie ai pollini e alle polveri dell’aria, un secondo elemento che la vita stanziale in casa non aiuta a conquistare, da cui ancora disturbi di genere asmatico.

    371

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato respiratorioAsmaBambiniMalattiePrimo PianoRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI