Asma: le sostanze amare potrebbero essere un rimedio

Asma: le sostanze amare potrebbero essere un rimedio

Secondo una recente ricerca statunitense gli attacchi di asma, in futuro, potrebbero essere curati con inalatori contenenti sostanze amare; e sostituire i classici antiasmatici

da in Alimentazione, Asma, In Evidenza, Malattie, News Salute, Polmoni, Ricerca Medica, lingua
Ultimo aggiornamento:

    asma rimedio sostanze amare

    Secondo un gruppo di ricercatori statunitensi l’asma potrebbe essere curata con sostanze amare. Sembrerebbe una notizia curiosa, ma secondo questa recente ricerca, nei polmoni sono presenti dei recettori specifici, differenti da quelli presenti nella lingua, che avrebbero come attività quella di rilassare il sistema respiratorio. Infatti i recettori, adibiti ad intercettare il sapore amaro, presenti nei polmoni hanno un’attività diversa da quelli presenti nella lingua. Le sensazioni ed i segnali invece, di essere inviati al cervello, rimangono nei polmoni stessi.

    Lo studio è stato condotto su topi da laboratorio, ai quali erano state somministrate delle sostanze amare, provocando negli animali rilassamento dei muscoli e conseguente apertura delle vie aeree, con maggiore attività rispetto ai classici farmaci per il trattamento dell’asma. Secondo il dottor Stephen Liggett dell’Università del Maryland, promotore dello studio, in un futuro, se i dati sperimentali dovessero essere confermati, farmaci come il salbutamolo potrebbero essere sostituiti o associati da sostanze amare.

    Quindi, secondo il dottore non basta ingerire cibi amari, ma in seguito si arriverà a veri e propri farmaci contenenti sostanze amare. Gli inalatori, sempre presenti nelle tasche e nelle borse dei pazienti asmatici, conterranno questo tipo di sostanze. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine, e potrebbe essere un grande aiuto per tutte le persone che soffrono di asma. Questa patologia colpisce circa il 10% degli italiani; secondo uno studio condotto su un gruppo di bambini, i casi di asma sono passati dal 6 al 12%.

    304

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAsmaIn EvidenzaMalattieNews SalutePolmoniRicerca Medicalingua
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI