Asma: fumo e smog i primi indiziati

Asma: fumo e smog i primi indiziati

Secondo una ricerca dell'Ibim-Cnr di Palermo, l'asma così come molte forme di allergia sono causate oltre il 40% da fattori ambientali come lo smog e il fumo

da in Asma, Fumo, Inquinamento, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    asma e fattori ambientali 150x120

    Il fumo e lo smog sono i principali responsabili di asma e allergie. A lanciare l’allarme è una ricerca dell’Ibim-Cnr di Palermo e pubblicata sulla rivista scientifica “Pediatric Allergy and Immunology”. Molte forme di allergia come la congiuntivite e la rinite allergica, così come l’asma, una vera e propria patologia cronica delle vie aeree sono causate da fattori ambientali, che incidono oltre il 40%.

    Il team dei ricercatori ha preso in esame ben 2.150 studenti palermitani tra gli 11 e i 14 anni. I ragazzi, infatti, sono stati sottoposti a spirometria, a test allergici cutanei, oltre che a questionari sulla salute respiratoria. In questo modo, è emerso come nel 56% dei casi i ragazzi erano esposti a fumo domestico, il 21% allo smog cittadino e il 15% a muffe o umidità, un problema facilmente risolvibile con i deumidificatori.

    Il dott. Giovanni Viegi, direttore dell’Ibim-Cnr, ha spiegato che:

    Dalla valutazione delle risposte è risultata una prevalenza di asma corrente del 4,2% e di rinocongiuntivite del 17,9%, mentre il restante 77,9% dei soggetti era asintomatico.

    La prevalenza di sensibilizzazione allergica, ossia la risposta positiva ad almeno uno degli 8 allergeni utilizzati per l’esecuzione del test allergico, è stata del 39,2%.

    Secondo il dottor Viegi, si tratta di una situazione destinata a peggiorare, considerando che queste percentuali dal 2002, anno in cui è stata fatta la prima rilevazione, sono cresciute dello 0,7% per quanto riguarda l’asma e del 2,2% per la rinocongiutivite. I ricercatori, inoltre, hanno calcolato il Par, sigla che sta ad indicare il rischio attribuibile di popolazione, e si riferisce alla la proporzione di una malattia dovuta all’esposizione a fattori di rischio e che potrebbe essere dunque eliminata se tale esposizione fosse evitata. I fattori ambientali evitabili come il fumo di sigaretta, la presenza di umidità o di muffe nell’ambito domestico ed esposizione al traffico è risultato del 40,8% per l’asma, del 33,6% per la rinocongiuntivite e del 14,1% per la ridotta funzione respiratoria.

    I risultati, dunque, dimostrano quanto sia importante la prevenzione sanitaria ed ambientale per la salute dei bambini e degli adolescenti, consentendo anche un beneficio in termini economici.

    419

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AsmaFumoInquinamentoMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI