Artrite reumatoide: indicata la sospensione dei farmaci biologici prima di un intervento di ortopedia

Dopo qualche anno di incertezze i ricercatori tedeschi sono giunti alle loro conclusioni; a determinare il ritardo della guarigione è proprio la terapia con alcuni farmaci biologici cui si sottopongono pazienti affetti da artrite reumatoide e artrite psoriasica

da , il

    farmaci-biologici-nella-cura-delle-malattie-autoimmuni

    Anche in questo caso a decretare la riuscita o meno della ricerca scientifica nell’ambito delle malattie autoimmuni è l’analisi di una spiegazione plausibile che in qualche modo spieghi la maggiore difficoltà nel risolvere in poco tempo gli effetti di una ferita chirurgica da parte di un malato di artrite reumatoide, ad esempio, o psoriasi etc. rispetto ad un qualsivoglia altro paziente sano.

    In prima istanza si era battuto il terreno relativo a quelle conseguenze che le malattie autoimmuni determinano nella guarigione dopo interventi di ortopedia o di chirurgia, ovvero, stante l’alta casistica di fratture determinate dalle diverse patologie autoimmuni, ci si chiedeva come mai una ferita chirurgica in questi pazienti guariva in un tempo maggiore rispetto alla stessa ferita provocata in un paziente sano. Doveva esserci un ruolo nella patologia che giustificasse il ritardo della guarigione o nella terapia?

    Dopo qualche anno di incertezze i ricercatori tedeschi sono giunti alle loro conclusioni; a determinare il ritardo della guarigione è proprio la terapia con alcuni farmaci biologici cui si sottopongono pazienti affetti da artrite reumatoide e artrite psoriasica. L’indagine condotta su 200 pazienti osservati per tre anni avrebbe portato alle conclusioni accertate;

    Così si è appreso che la guarigione è più lenta e complicata in quelli che si sottopongono alle cure con leflunomide rispetto a quelli che attuano trattamenti terapeutici con Metotrexato; il rischio di andare incontro a complicanze derivanti dalle ferite chirurgiche in questi pazienti in certi casi si eleva del 40%; ragion per cui i ricercatori hanno concluso che il trattamento con Leflunomide dovrebbe essere interrotto nei pazienti con artrite reumatoide sottoposti ad intervento ortopedico elettivo. ( Xagna2006 )

    Fuerst M et al, Rheumatol Int 2006; Epub ahead of print