Arredamento: solo la casa al naturale

Arredamento: solo la casa al naturale

La maggior parte dei disturbi delle persone deriva da un ambiente domestico poco sano e poco salutare

da in Apparato Cardiovascolare, Apparato respiratorio, Benessere, Malattie esantematiche, Primo Piano, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    Ambiente Domestico

    L’ambiente domestico è la prima delle nostre possibilità per fare in modo di stare bene: la nostra vita è spesso di cattiva qualità proprio per via degli ambienti domestici poco salutari e poco adatti a stare bene. Le case attualmente sono spesso costruite in modo che fanno soffrire gli abitanti della casa stessa: la struttura, con materiali dannosi alla salute o poco naturali, sintetici, posta vicino a strade o campi elettromagnetici, tutto fattori che non sono il massimo in fatto di comfort e salute.

    Poco importa se il prezzo da pagare per una buona casa è più alto di quello della casa cattiva, perché di fatto se ne guadagna in salute e in spesa medica: pareti e pavimenti in materiali cementosi, non ben sigillati, con poche aperture verso l’esterno e con esalazioni plastiche non sono adatti a una permanenza nello stesso edificio per più giorni la settimana.

    Vernici, collanti, isolanti, impediscono di respirare aria pulita, di ricambiare lo stato gassoso e quindi in fin dei conti la casa diventa una camera a gas piena di sostanze malate che danneggiano fortemente l’organismo.

    Mal di testa, stanchezza, raffreddore, possono essere più spesso sintomi di una casa mal sana e non di uno stato di salute precario in sè.

    Gli ambienti domestici della casa ecologica non sono necessariamente composti da solo materiale naturale, molto costoso, ma sono più spesso un compromesso prezzo/qualità, che si raggiunge solamente con piccoli passi in fatto di scelte di costruzione e di arredamento.

    La casa biologica è stata presentata su “La nuova ecologia” da Cristina Riva, esponente del noto marchio Rivaviva, che spiega come nasce e come è concepita la casa ecologica.

    L’ambiente più importante per la casa ecologica è quello della camera da letto: nella camera da letto infatti si passano parecchie ore, si pensa dalle 8.00 alle 10.00 ore circa. Nella filosofia biologica la casa naturale è composta da mobili in puro legno massello, assemblati senza colle o materiali plastici o ferrosi, trattati solo con prodotti naturali, ai letti vanno aggiunti materassi ecologici e composti da materiali anche essi naturali.

    Lo stesso vale per tendaggi, tappeti e orpelli di vario genere. Una stanza da letto ecologica può costare circa 6.000 euro, ma oltre che l’estetica porta con sè una garanzia di qualità.

    La stessa logica vale per il resto della casa, che deve essere concepita assecondando la sua naturale posizione: materiali atossici e riciclabili per gli infissi, niente colle e vernici, sistemi di regolazione dell’energia e della luminosità e del calore, per risparmiare e per seguire un principio generale di salubrità. Le stanze devono avere accesso alla luce e nel contempo avere un isolamento termico e rumoroso rispetto all’ambiente esterno.

    Per l’arredamento si lavora di fantasia, tenendo fede al principio applicato nella camera da letto, poche sostanze tossiche, poche colle, niente vernici e niente materiali sintetici che caricano di inquinamento l’aria e rendono la casa poco accettabile dal punto di vista della salute. Sì al legno, al cotto, alla pietra, no alla plastica, all’alluminio e al cemento non isolato. Ne guadagnano l’apparato respiratorio e anche il sistema cardiocircolatorio.

    Le immagini sono tratte dal sito della Famiglia Saligari

    624

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato CardiovascolareApparato respiratorioBenessereMalattie esantematichePrimo PianoSalute Donna
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI