NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Aria nella pancia: cause, sintomi e rimedi naturali

Aria nella pancia: cause, sintomi e rimedi naturali
da in Stomaco
Ultimo aggiornamento: Lunedì 30/11/2015 13:01

    aria nella pancia cause sintomi rimedi naturali

    Aria nella pancia: quali le cause, i sintomi e i rimedi naturali? Questo problema può causare disagio, ma dovrebbe essere affrontato adeguatamente, specialmente se è abbinato ad altri fenomeni, come il meteorismo o l’aerofagia. La formazione di aria nella pancia, a stomaco vuoto o appena mangiato, non avviene a causa degli alimenti che si consumano, ma dipende in particolare al modo in cui si ingeriscono. Spesso, infatti, possono formarsi delle vere e proprie bolle di gas nello stomaco, che si disperderà anche sotto forma di eruttazione o di flatulenza. Vediamo in particolare da cosa dipende questo fenomeno e come ridurne gli effetti fastidiosi.


    Tra i sintomi della presenza di aria nella pancia possiamo trovare gonfiore, eruttazione, flatulenza e dolore addominale. Non bisogna sottovalutare il problema, se si presenta in maniera notevole, perché potrebbe indicare la presenza di alcuni disturbi intestinali, come la sindrome dell’intestino irritabile. Non sempre i sintomi sono presenti tutti contemporaneamente, anche perché tutto dipende dalla quantità di gas che si trova all’interno del corpo e dalla capacità che ogni organismo ha di trattenere il gas nell’intestino.

    Se la quantità di aria che viene ingerita durante i pasti è eccessiva, potrebbe verificarsi un’eruttazione più frequente. Quest’ultima condizione potrebbe indicare anche un disturbo gastrointestinale, come il reflusso gastroesofageo o l’ulcera peptica. Particolare attenzione deve essere rivolta nei confronti dell’eventuale sensazione dolorosa che si può avvertire, un sintomo che non è presente in tutti i casi. Il dolore potrebbe essere confuso con la presenza di malattie cardiache (se si verifica sul lato sinistro) o di problemi di appendicite (nel caso del lato destro).


    A cosa è dovuto il gas nel tratto digestivo? Si può formare in diversi casi: quando i batteri abbattono gli alimenti ingeriti o a causa dell’aria che ingeriamo durante la masticazione dei cibi. Ogni individuo può produrre in media quotidianamente da uno a tre litri di gas.

    Una delle cause principali della presenza dell’aria nella pancia è l’aerofagia. Si tratta di una disfunzione che consiste nella tendenza ad ingoiare, in maniera eccessiva, aria nello stomaco. Bisogna ricordare che ingerire un po’ di aria durante i pasti è assolutamente normale. Uno stile di alimentazione non corretto potrebbe, però, causare la deglutizione di una quantità eccessiva di aria: succede, ad esempio, quando si mangia o si beve molto velocemente.

    Un modo per liberare l’aria presente nello stomaco, responsabile del meteorismo intestinale, consiste nell’eruttare. Il gas che rimane all’interno dell’organismo si muove quindi nel piccolo intestino. In questa parte del corpo viene assorbito parzialmente. Alcuni carboidrati possono non essere assorbiti dall’organismo, a causa della carenza di specifici enzimi che favoriscono il processo di digestione. In questo caso gli alimenti non digeriti passano nel grosso intestino: qui la flora batterica produce idrogeno e anidride carbonica, che successivamente sono espulsi attraverso il retto.

    Non è detto che gli alimenti che provocano la formazione di gas in un individuo siano responsabili dello stesso fenomeno in un’altra persona. In generale, sono zuccheri come il lattosio (presente nel latte e nei suoi derivati, oltre che in prodotti trasformati, come pane, cereali e condimenti), il fruttosio (che si trova ad esempio in carciofi, pere e frumento), il raffinosio (contenuto in fagioli, cavoli, asparagi e broccoli) e il sorbitolo (contenuto nella frutta) a causare una maggiore formazione di gas. Quelli indicati sono quindi degli alimenti da evitare.


    Cosa fare? Sarà il medico a valutare il singolo caso in modo da trovare una soluzione, se il problema si dovesse presentare in maniera rilevante. Gli specialisti dovranno inizialmente escludere altre eventuali cause più gravi, poi consiglieranno al paziente di rivedere le abitudini alimentari quotidiane e lo stile di vita. In certi casi, ad esempio, potrebbe essere necessario evitare il consumo di prodotti derivati dal latte, magari aggiungendo un esame del sangue per rilevare l’eventuale presenza di un’intolleranza al lattosio.

    Un esame accurato con la collaborazione del paziente (che potrà fornire informazioni precise al medico sulla quantità di cibo consumata e sui sintomi in corrispondenza dell’assunzione di alcuni alimenti) può essere molto utile per comprendere se si è in presenza di una reale formazione eccessiva di gas nel colon o se si tratta di una particolare sensibilità dell’individuo nei confronti del passaggio di una normale quantità di gas.

    Contro l’aria nella pancia è possibile fare ricorso anche a degli utili rimedi naturali. Un aiuto può essere rappresentato dal tè verde, che può rendere più facile la digestione, accelerando il metabolismo. Inoltre questa bevanda è capace di fornire degli antiossidanti e di migliorare la gestione da parte dell’organismo degli zuccheri.

    E’ utile anche la tisana al finocchio, dalle tante proprietà benefiche e curative, un infuso che si rivela importante per regolarizzare le funzioni della digestione: è diuretico e stimola l’attività biliare. Per ridurre i disturbi potrebbe essere utile anche bere un bicchiere d’acqua con mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio. Se il problema non dovesse risolversi, bisogna attendere due ore prima di berne un altro bicchiere.

    Il curry è un lassativo naturale, che permette di facilitare la digestione e può essere utile, quindi, in caso di problemi di aria nella pancia. Anche l’anice contiene delle molecole capaci di limitare la fermentazione e di ridurre il gonfiore addominale.

    Altre erbe dalle capacità carminative e digestive sono costituite dalla melissa, che possiede delle proprietà calmanti e antispasmodiche, e dalla camomilla, che fa diminuire i crampi e i dolori addominali. Da ricordare anche il mirto, capace di ostacolare la fermentazione gastrica responsabile della sensazione di gonfiore. Un altro rimedio naturale contro i fastidi causati dall’aria nella pancia è rappresentato dal cumino, da assumere sotto forma di tisana a fine pasto, in modo da rendere più semplice il processo digestivo.

    1164

    PIÙ POPOLARI