Anziani: meglio non rischiare l’estate da soli, c’e’ Auser

Anziani: meglio non rischiare l’estate da soli, c’e’ Auser

Gli anziani, in estate, passano dei periodi di solitudine, in citta', mentre tutti i giovani e i parenti sono lontan per passare le vacanze

da in Anziani, Benessere, Disturbi psicosomatici, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Anziano

    Sarebbero in totale 5,6 milioni gli anziani costretti a passare le vacanze da soli, e un terzo e’ donna, del Nord in genere, ma la vita solitaria dell’anziano sta diventando una realta’ anche al Centro e al Sud, con il cambiamento dello stile di vita delle persone che lavorano. Filo d’argento Auser, ha presentato la settimana scorsa a Roma i risultati di una indagine condotta in tutta la Nazione, per fare un piano di come passano il loro tempo gli anziani, in Italia.
    In foto: anziano del Lijang

    Sarebbero i volontari a trovare maggiore lasco per fare compagnia ai nonni, mentre l’ente pubblico non riesce a coprire tutte le necessita’. Nonni anziani, nonni soli, nonni che alla fine sono costretti a ricorrere alle cure delle donne straniere, perche’ non ci sono servizi domiciliari ad personam, e specialmente perche’ la compagnia di una persona per sempre non si sostituisce con una cura materiale.

    Sono ben 535 mila i servizi, tutti attivati dai volontari di Filo d’Argento Auser nel solo 2007 in favore di 166 mila anziani in difficoltà (Seguono i Dati Auser). Secondo l’organizzazione a fruire del servizio dei volontari nel 70,4% dei casi sono donne e il 26% ha un’età compresa tra i 65 e i 74 anni; il 43% è compreso tra i 75 e gli 84 anni; il 15% è ultraottantenne.

    Il Filo d’Argento interviene specialmente nei casi di malattia, fragilita’ e isolamento, e quella che si presenta quest’anno e’ davvero una urgenza: non esiste una politica adeguata per fare fronte alle necessita’ del paese, gran parte di questi nonni e’ isolato e indigente durante tutto l’anno, non solo durante le vacanze, e lo Stato non se ne cura.

    Soli in citta’, con il rischio di morire per una giornata troppo calda, i nonni, che sono 5 milioni e 600 mila, con una crescita futura continua, non possono tutti fruire dei servizi sociali pubblici, per questo Auser si e’ attivato per fare qualcosa di concreto, subito.

    Sono 535 mila i servizi e gli interventi erogati da Auser, e il 69% è stato attivato con risorse proprie dai volontari di Filo d’Argento, mentre, per quanto riguarda il restante 31%, sono state sottoscritte ben 424 Convenzioni con gli enti locali, per la realizzazione di interventi domiciliari (29%), di trasporto sociale e di accompagno nei luoghi che ospitano i servizi pubblici e privati di interesse (24%), per lo sviluppo delle relazioni sociali e degli interventi culturali e ricreativi (22%), a favore delle politiche abitative (3%), e per l’attivazione di altri interventi e servizi (21%).

    Fonte: Auser

    484

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnzianiBenessereDisturbi psicosomaticiNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI