Antidepressivi: effetti collaterali sulla gravidanza

Antidepressivi: effetti collaterali sulla gravidanza

Quanto influiscono la depressione ed i farmaci antidepressivi, sulla gravidanza e sugli esiti di quest'ultima? Secondo uno studio, recente, vi sono vari esiti neonatali

da in Antidepressivi, Depressione, Gravidanza, Psicologia, Salute Donna, Parto-Prematuro
Ultimo aggiornamento:

    Depressione in gravidanza

    Un gruppo di ricercatori del’University of Pittsburgh Medical Center, negli Stati Uniti, ha condotto uno studio sugli effetti che la depressione maggiore ed i farmaci antidepressivi (inibitori della serotonina, SSRI) hanno sugli esiti della gravidanza. Lo studio ha valutato se alcune caratteristiche, viste nel corso della gravidanza, come: anomalie fisiche minori come aumento del peso della madre e peso del bambino alla nascita; parto prematuro, e adattamento neonatale, fossero in qualche modo correlate con l’assorbimento di inibitori della serotonina o con la depressione.

    Lo studio è stato condotto su 238 donne in gravidanza, suddivise in tre gruppi: il primo gruppo, costituito da 131 donne, non soffriva di depressione, e non era sotto terapia antidepressiva; il secondo gruppo, costituito da 71 donne era sotto terapia continua (48 donne) o parziale (23 donne) con antidepressivi SSRI; il terzo gruppo, costituito da 36 donne, soffriva di depressione maggiore continua (14 donne) o parziale (22 donne). L’esito dello studio è stato: il gruppo di donne con depressione maggiore continua, senza esposizione ai farmaci, ha mostrato un livello medio dei sintomi depressivi, soprattutto anomalie fisiche minori come aumento del peso della madre, e del peso del bambino.

    Invece, il gruppo di donne, che durante la gravidanza è stato esposto agli inibitori della serotonina in modo continuo, ha presentato maggiori probabilità di partorire prematuramente, rispetto ai gruppi di donne non esposti.

    Comunque né l’esposizione ai farmaci né l’esposizione agli inibitori della serotonina, ha aumentato il rischio dell’insorgenza di anomalie fisiche minori. In conclusione, lo studio eseguito nell’Università di Pittsburgh ha evidenziato, come le donne incinte depresse, abbiano un aumento del rischio ,di circa il 20%, di parti prematuri, se sono esposte agli inibitori selettivi della serotonina e alla depressione continua non trattata.

    344

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntidepressiviDepressioneGravidanzaPsicologiaSalute DonnaParto-Prematuro
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI