Antibiotici: fra gli effetti collaterali forse l’obesità

Antibiotici: fra gli effetti collaterali forse l’obesità

L’obesità potrebbe essere la conseguenza di alterazioni a carico della flora batterica intestinale

da in Antibiotici, Flora Batterica, News Salute, Obesità, Ricerca scientifica, helicobacter-pylori
Ultimo aggiornamento:

    obesità antibiotici 150x149

    Studiosi del New York University Langone Medical Center, guidati dal dottor martin J. Blaser, hanno finanziato una ricerca per stabilire se la causa dell’obesità siano gli antibiotici. L’obesità, la malattia presente in tutto il mondo, con maggiore concentrazione nei Paesi a maggiore sviluppo, potrebbe essere causata da alterazioni della flora batterica intestinale. La flora batterica è costituita da batteri “positivi” presenti nell’intestino, indispensabili per l’organismo, infatti sono collegati con il sistema immunitario, svolgono funzioni primarie del metabolismo, allontanano i batteri patogeni, le tossine, hanno un ruolo molto importante nella digestione.

    Il numero sempre crescente di infezioni, e contemporaneamente l’uso dei farmaci antibiotici, creerebbe disagi e problemi sull’equilibrio energetico. Tra gli effetti collaterali degli antibiotici, la flora intestinale è tra i bersagli principali.

    Un esempio è quello dell’Helicobacter pylori, che provoca, dopo una serie di passaggi lo sviluppo dell’ulcera. Questo batterio interagisce con cellule neuroendocrine presenti nello stomaco; queste ultime secernono la gralina, ossia l’ormone della fame.

    Gli studiosi sono preoccupati per l’uso smisurato degli antibiotici, sin dall’età pediatrica; l’ipotesi è proprio che quest’utilizzo così eccessivo possa recare danni seri alla flora intestinale, e contemporaneamente a tutto l’organismo. Queste ipotesi verranno studiate e verificate in seguito, con quattro studi: due avranno come tema di studio l’Helicobacter pylori; un altro sarà diretto a studiare il microbioma del bambino, o meglio gli effetti materni su di esso; l’ultimo studio sarà condotto su 10mila donne olandesi in gravidanza e continuerà seguendo i nascituri sino al quinto anno di età.

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiFlora BattericaNews SaluteObesitàRicerca scientificahelicobacter-pylori
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI