Ansia: l’attività fisica può alleviarla

Ansia: l’attività fisica può alleviarla

Una recente ricerca ha dimostrato che l’ansia può essere ridotta del 20% attraverso un periodo di pratica di un’attività fisica per i soggetti affetti da malattie croniche

da in Ansia, Malattie, Psicologia, Ricerca Medica, Sport
Ultimo aggiornamento:

    ansia sport

    Coloro che soffrono di disturbi legati all’ansia sono in aumento, a testimonianza del fatto che l’ansia costituisce sempre più una conseguenza dello stress e dei ritmi a volte insostenibili della vita moderna. Ma non solo, infatti l’ansia è una condizione che interessa anche quei soggetti che soffrono di malattie croniche. Tuttavia esiste un rimedio.

    La soluzione può essere trovata nel praticare un’adeguata attività fisica. Lo hanno dimostrato i ricercatori dell’Università della Georgia, che hanno condotto uno studio specifico sull’argomento. Gli studiosi hanno coinvolto un gruppo di pazienti affetti da diverse patologie, come la sclerosi multipla, il cancro e l’artrite reumatoide. Questi soggetti sono stati sottoposti ad un percorso di allenamento fisico nel corso di un periodo che andava dalle 3 alle 12 settimane.

    Si è potuto riscontrare che in questi individui si era verificata una riduzione dell’ansia pari al 20%. Un risultato sorprendente che mette in evidenza come la messa in atto di un’attività fisica come il jogging o il sollevamento pesi possa rivelarsi un vero e proprio toccasana contro le inquietudini e le preoccupazioni.

    Ancora una volta lo sport si dimostra una condizione essenziale per il nostro benessere fisico e mentale.

    Gli studiosi hanno voluto sottolineare che i risultati migliori si sono ottenuti prescrivendo un periodo di attività fisica che non superasse le dodici settimane, probabilmente perché a prescrizioni più lunghe non corrisponde un impegno regolare dei soggetti coinvolti, venendo meno i benefici che se ne potrebbero trarre. Prendersi cura di se stessi vuol dire anche questo: ridurre l’ansia con uno sport che ci piace particolarmente.

    Immagine tratta da: pourfemme.it

    344

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnsiaMalattiePsicologiaRicerca MedicaSport
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI