NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Anoressia: nuove risposte dal cervello, nuove speranze di cura

Anoressia: nuove risposte dal cervello, nuove speranze di cura

Il segreto dell’anoressia nervosa restrittiva o, almeno, uno dei segreti dei meccanismi chiave di questa patologia è nascosto in alcune aree cerebrali, che distorcono l’immagine di sé

da in Alimentazione, Anoressia, Cervello, Malattie, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Anoressia, novità interessanti dal cervello

    Tutta questione di cervello, o quasi: è proprio all’interno di alcune particolari aree cerebrali che i ricercatori hanno svelato alcuni meccanismi chiave legati a una delle malattie più diffuse, soprattutto tra le giovani donne, l’anoressia nervosa. Precise caratteristiche di queste aree del cervello spiegano, secondo i ricercatori, la percezione distorta di sé e del proprio fisico che hanno le persone colpite da questa patologia nervosa.

    Vedersi grasse, sformate allo specchio, ma essere sottili come un grissino, sempre più magre, sottopeso, leggere, quasi trasparenti e impalpabili: ecco cosa succede quando l’anoressia si insinua nelle pieghe del disagio quotidiano, ecco quali percezioni distorte e improbabili riesce a mettere in atto e rendere quasi reali il cervello.

    Proprio così, è tutta colpa del cervello, almeno stando ai risultati di un recente studio italiano, condotto da un gruppo di esperti, guidati dal dottor Santino Gaudio, psichiatra, e pubblicato sulla rivista internazionale Psychiatry research: Neuroimaging.


    Le pazienti che soffrono di anoressia nervosa restrittiva hanno una particolare vulnerabilità specifica nelle aree del cervello coinvolte nella rappresentazione mentale di sé stessi e della manipolazione delle immagini mentali. Per giungere a questo risultato, i ricercatori hanno coinvolto nella sperimentazione, analizzandone e comparandone la sostanza grigia del cervello, utilizzando la risonanza magnetica e la nuova metodica di analisi (la Voxel Based Morphometry), 16 adolescenti affette da anoressia nervosa restrittiva da meno di un anno e altrettante coetanee in buono stato di salute.

    322

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAnoressiaCervelloMalattieNews Salute
    PIÙ POPOLARI