Animali domestici: addestrare per prevenire

Animali domestici: addestrare per prevenire

Gli animali domestici comportano impegno e costi, specie se si tratta di animali di medio-grossa taglia, costi e tempo che evidentemente non tutti i padroni decidono di sostenere, per questo la Svizzera ha inteso risolvere stilando una lista nera di razze pericolose, di altro parere Francesca Martini, Sottosegretario italiano alla salute

da in Aggressività, Bambini, Benessere, Benessere animali, Ministero della Salute, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Cani

    Esistono cani pericolosi e cani docili? Davvero possedere un cane di attitudine predominante potrebbe diventare rischioso? Quanto dipende nel comportamento di un animale dalla razza e quanto dalla sua educazione e dal suo addestramento? A fare chiarezza in merito il Sottosegretario alla Salute, Francesca Martini, illustrando una nota alla decisione della Svizzera per la pubblicazione delle razze “pericolose”.

    Possedere un animale domestico, cane o gatto che sia, richiede responsabilità e capacità. In alcuni casi per mantenere l’animale in salute e ben addestrato serve anche molto danaro, nessuno compra un cane, specie se di medio-grossa taglia, senza poi procedere a un addestramento. Ma questa operazione comporta un costo, un costo che evidentemente i padroni dell’animale, che lo comprano per diletto e non per amore, non hanno intenzione di sobbarcarsi, come anche non intendono procedere a una posizione assicurativa dell’animale.

    In una nota alla stampa, di fronte alla decisione della Svizzera di stilare la lista degli animali domestici considerati non “aodttabili” in casa, il Sottosegretario alla Salute ha spiegato che la principale responsabilità dei possessori di animali domestici consiste nella conoscenza dell’animale che si va a ospitare in casa.

    Non serve stilare delle liste nere, serve che il padrone dell’animale capisca come possono essere guidati gli animali in una quotidianità tranquilla, qualsiasi sia la loro razza e il loro carattere, per prevenire le aggressioni.

    Esistono reali predisposizioni nelle razze degli animali a essere più o meno attivi, a necessitare di movimento e di sfogo, alcune razze sono più nervose, altre più tranquille, ma seguendo l’assecondare delle necessità primarie dell’animale conoscendone bene la razza aiuta a prevenire gli incidenti e i danni verso terzi, che nei casi di animali di grossa taglia, possono essere rimediati con una assicurazione adatta sull’animale.

    407

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AggressivitàBambiniBenessereBenessere animaliMinistero della SaluteSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI