NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ambiente: contrastiamo l’eccesso di umidità con i deumidificatori

Ambiente: contrastiamo l’eccesso di umidità con i deumidificatori

Si sa l'ambiente eccessivamente umido è fonte di malanni, comprese le allergie per chi vi soffra; ma da tempo la tecnologia ha risolto il problema con i moderni deumidificatori da utilizzarsi sopratutto nella stagione primaverile

da in Batteri, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    un deumidificatore

    La salute dovremmo cercare nel possibile di curarla al meglio fin dalle nostre case e quale migliore soluzione può esserci se non ricreare all’interno degli ambienti domestici il giusto microclima al riparo da quegli agenti esterni causa di malanni spesso fuori stagione. Per far ciò, cominciamo col combattere l’eccesso di umidità nelle nostre case.

    L’eccesso di umidità è infatti provato che, oltre a causare quel caratteristico odore sgradevole, oltre a provocare un degrado degli arredi, è anche causa diretta della formazione di microbi, acari e muffe, per non parlare del fatto che tassi di umidità superiori al 60% creano nell’organismo situazioni anomale che causano una diminuita capacità da parte del corpo di disperdere il calore e, dunque, crea una maggiore sensazione di caldo con la conseguenza di disperdere i preziosi elettroliti di cui abbiamo bisogno fondamentale per la vita.

    Se dunque poco possiamo per contrastare l’eccesso di umidità ambientale, soprattutto all’approssimarsi della stagione calda, qualcosa di buono possiamo cominciare a farla fin d’adesso nelle nostre case, possiamo insomma evitare la formazione eccessiva di umidità dagli ambienti domestici, soprattutto se si vive in vicinanza di aree geografiche particolarmente umide, oppure nel contrasto dell’umidità in determinati ambienti come il bagno ma anche le cucine, dove sono le condizioni stesse a generare l’eccesso del fenomeno e per far ciò, dovremmo munirci dei moderni deumidificatori che, oltretutto è bene saperlo, asciugano prima e meglio i panni stesi.

    Il meccanismo di deumidificazione è semplice, l’apparecchio assorbe l’aria umida, la separa dall’acqua che si deposita in apposita tanica e restituisce l’aria deumidificata all’ambiente. Un buon apparecchio è anche dotato di igrostato, un dispositivo in grado di regolare il tasso di umidità dell’aria evitando anche sprechi di energia, così come vi sono anche quelli che sono in grado di contrastare la formazione di muffe e batteri opponendosi al contempo alle allergie, per chi vi soffra.

    Per quanto riguarda l’acquisto e l’uso valgono alcuni consigli.estesi dall’Unione Nazionale Comsumatori

    • Preferire i deumidificatori dotati di igrostato, un accessorio molto importante per regolare il giusto grado di umidità, evitando in tal modo sprechi di energia.

    • Prima di effettuare qualsiasi operazione di pulizia o manutenzione, disinserire l’apparecchio dalla rete di alimentazione elettrica, staccando la spina.

    • Per la pulizia esterna, utilizzare un panno umido e, subito dopo, asciugare.

    • Se non si utilizza l’apparecchio per un tempo prolungato, ricordarsi di togliere tutta l’acqua dal serbatoio e di staccare la spina.

    • Nell’acquisto, verificare che l’apparecchio riporti il marchio IMQ, che certifica la sicurezza e la “regola dell’arte” nella fabbricazione.

    Infatti, oltre alle consuete prove per le verifiche dei dati elettrici forniti dal costruttore, delle accessibilità a parti elettriche e meccaniche pericolose e delle temperature massime raggiunte durante il normale utilizzo dell’apparecchio, gli apparecchi vengono sottoposti da parte dei tecnici dell’IMQ a tutta una serie di prove affinché non possano essere fonte di pericolo per l’utente anche in condizioni di utilizzo che non rientrano nelle normalità.
    Fonte Articolo: Unione Nazionale Consumatori
    Fonte Foto: Monclick

    595

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BatteriMalattie
    PIÙ POPOLARI