Alzheimer: gene dell’invecchiamento per combatterlo

Alzheimer: gene dell’invecchiamento per combatterlo

Il gene Sirt 1, già riconosciuto come uno dei responsabili dell'invecchiamento dell'organismo, potrebbe avere una caratteristica positiva: proteggere il cervello dall'Alzheimer

da in Alzheimer, DNA, Invecchiamento, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Nuovo gene contro l’alzheimer

    Additato come uno dei responsabili del processo di invecchiamento dell’organismo, di quel lento meccanismo fisiologico che comporta disturbi e acciacchi di vario genere, il gene Sirt 1 è balzato di nuovo agli onori della cronaca, ma stavolta in chiave positiva. Sembra essere proprio lui, infatti, uno degli alleati genetici più preziosi per prevenire e proteggersi da una delle malattie degenerative più inesorabili, il morbo di Alzheimer.

    A ridare “smalto”, dignità, al gene Sirt 1, noto come quello dell’invecchiamento, uno studio made in Usa, condotto da un gruppo di ricercatori del Mit, Massachussetts Institute of Technology, di Boston, pubblicato sulle pagine della rivista Cell.

    Secondo gli scienziati statunitensi al gene responsabile del processo di invecchiamento andrebbe il merito di preservare l’organismo e, in particolare il cervello, dallo sviluppo di questa malattia degenerativa, che porta alla progressiva perdita delle funzioni cognitive e, in particolare, della memoria.

    Il team di esperti d’oltreoceano, guidati dallo scienziato Leonard Guarente, hanno osservato, in un gruppo di cavie di laboratorio, topi ingegnerizzati allo scopo di sviluppare l’Alzheimer e tutti i sintomi relativi, che in presenza di un gene Sirt 1 particolarmente attivato, i deficit tipici della malattia erano meno importanti.

    All’attivazione particolare del gene e al conseguente aumento della produzione delle proteine denominate sirtuine, corrispondeva un’importante risposta da parte dell’organismo: minori lacune nell’apprendimento e un deficit della memoria inferiore. Al contrario, la malattia degenerava in caso di mancata attivazione del gene.

    323

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlzheimerDNAInvecchiamentoMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI