Altroconsumo: spiegazione all’Aifa per sciroppi tosse pediatrici

Altroconsumo: spiegazione all’Aifa per sciroppi tosse pediatrici

Ma se in Francia gli sciroppi pediatrici per la tosse sono stati tolti dal commercio, perchè non si sta facendo la stessa coisa anche in Italia? se lo chiede l'Associazione Altroconsumo che invia richiesta di spiegazione all'AIFA

da in Associazioni Consumatori, Bambini, Bronchite, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    sciroppo per la tosse pediatrici vietati in Franxia ai minori

    Non si placa la polemica a proposito degli sciroppi antitosse ad uso prettamente pediatrico. In Francia infatti tali prodotti sono stati ritirati dal commercio o comunque soggetti ad una normativa più restrittiva riguardo la dispensa ad opera dei farmacisti,

    Il motivo non è tanto per effetto degli eventuali danni che tali prodotti potrebbero arrecare al minore, quanto per l’evidenza dell’assenza di una letteratura scientifica che al pari di quella per gli adulti ne garantisca l’efficacia e la sicurezza nell’uso.

    Ma a questo punto ci si chiede, anzi, se lo è chiesto la nota Associazione dei Consumatori, Altroconsumo, perché in Francia si è vietata la vendita di mucolitici sotto forma di sciroppi ai minori di due anni ed in Italia nulla è stato fatto? Questa la motivazione che giustificherà l’intervento da parte dell’Associazione nei confronti dell’AIFA affinché risponda al quesito postogli. Infatti in Italia, gli sciroppi a base di acetilcisteina e carbocisteina disponibili in Italia (Fluimucil, Solmucol, Lisomucil, Fluifort, Mucocis, Mucotreis e Sinecod tosse, per citarne solo alcuni), infatti, non sono controindicati sotto i 2 anni: il foglietto illustrativo non lo specifica.

    Al contempo Altroconsumo ricorda come in attesa di norma più restrittive al riguardo, gli sciroppi per la tosse vanno sicuramente sconsigliati per i minori di due anni, perché i rischi superano i benefici.

    I bambini piccoli hanno una ridotta capacità di tossire e gli sciroppi mucolitici possono causare difficoltà respiratorie in questa fascia d’età. I bambini francesi che avevano assunto gli sciroppi a base di acetilcisteina, carbocisteina e benzoato di meglumina, indicati per fluidificare le secrezioni bronchiali, avevano avuto un peggioramento della loro capacità respiratoria.
    Fonte foto: Fotosearch

    353

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriBambiniBronchiteMalattie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI