Allergie: immunoterapia e DNA

Allergie: immunoterapia e DNA

Le allergie sono un fenomeno ampiamente diffuso nella società moderna, ma diventano pericolose quando i loro attacchi sono agressivi e veloci

da in Allergie, Allergie alimentari, Malattie, Malattie Autoimmuni, News Salute, eczema
Ultimo aggiornamento:

    Le allergie sono un fenomeno frequente della società moderna che possono comportare dei rischi alti quando si tratta di gravi manifestazioni allergiche che posrtano allo shock anafilattico: polline, polvere, acari, cibo, insetti, possono essere solo alcuni degli allergeni, a cui si aggiungono i componenti chimici, il pelo degli animali. A questo grave problema risponde una ricerca inglese, che propone la profilassi con terapia alternativa.

    Per le allergie più gravi, quelle che un tempo erano curate con metodi di somministrazione graduale per creare una barriera di protezione, ora esistono sistemi più rapidi, e a detta degli esperti anche più efficaci, che diminuiscono non solo i rischi, ma anche i tempi di intervento, in molti casi fornendo un vero e proprio vaccino “turbo” che consente al soggetto allergico di non avere più crisi nemmeno nei periodi più critici.

    Il rimedio del vaccino veloce non va bene per tutte le forme di intolleranza; orticaria, allergie alimentari e croniche, eczema, non sono curabili con questo metoco; al contrario potrebbe essere l’innesco di una reazione avversa.

    Prima del supervaccino bisogna sottoporsi a un test che serve per confermare come e quanto ai sintomi del malato possa corrispondere un reale fenomeno allergico, che si può misurare solo attraverso la rilevazione delle IgE. Si tratta dell’immunoglobina rilevata con lo “Skin Test”.

    Il vaccino veloce funziona grazie al DNA: si tratta, secondo un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, di un ricavato di ambrosia, che richiede solo 6 somministrazioni (1); il farmaco si chiamerà AIC.

    Esso si collega alla sequenza del DNA e legandosi al recettore (TLR9) delle cellule immunitarie contribuisce all’inibizione dei linfociti TH2 che sono i responsabili dei fenomeni di manifestazione allergica (2).

    1. Creticos PS et al. Immunotherapy with a ragweed-toll-like receptor 9 agonist vaccine for allergic rhinitis New England Journal of Medicine 2006 Oct 5;355(14):1445-55
    2. Stokes JR, Casale TB. Allergy immunotherapy for primary care physicians American Journal of Medicine 2006 Oct;119(10):820-3

    In video da You Tube MASTER: “La medicina generale e il paziente allergico”
    Con la intervista di Felicia Liguori a Catello Romano

    449

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieAllergie alimentariMalattieMalattie AutoimmuniNews Saluteeczema
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI