Allergie: così diremo basta

Allergie: così diremo basta

Una prima tappa dello studio ha visto un gruppo di volontari reagire bene alle prime cure registrando una maggiore tollerabilità nei confronti di alimenti verso i quali manifestavano prima allergia come, ad esempio, latte, uova, mandorle etc

da in Allergie, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    allergia

    Potremmo presto dire addio alle allergie ma in maniera radicale e definitiva, al punto che i famosi allergeni di cui portatori possono essere insetti, sostanze alimentari, ambientali etc. potrebbero non sortire più alcun effetto patologico dall’organismo sia di bambini che di adulti, sia in coloro che hanno già manifestato i segni di una qualsivoglia allergia sia in chi prima o poi dovesse manifestarli.

    C’è da dire che è ancora presto per gridare al miracolo, lo studio americano del team del Jaffe Food Allergy Institute presso la Mount Sinai School of Medicine di New York per quanto avanzato è soltanto nella fase sperimentale, ma i ricercatori sono ottimisti, il primo approccio verso questo vero e proprio affrancamento dal problema dovrebbe poter cominciare contro le allergie alimentari mediante una terapia immunologica praticabile oralmente.

    Una prima tappa dello studio ha visto un gruppo di volontari reagire bene alle prime cure registrando una maggiore tollerabilità nei confronti di alimenti verso i quali manifestavano prima allergia come, ad esempio, latte, uova, mandorle etc. Gli scienziati di fatto hanno sperimentato un allergene alimentare di grandezza infinitesimale da porre sotto la lingua dell’interessato che avrebbe in questo modo il tempo di desensibilizzare il sistema immunitario che per tutta risposta non scatenerebbe il pericoloso attacco allergico.

    Col tempo se i lavori dovessero proseguire sortendo questi incoraggianti risultati si potrebbe passare ad altri allergeni quali sostanze volatili o prodotti dagli stessi insetti per giungere domani ad un punto di totale affrancamento dal problema.

    293

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergiePrimo PianoRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI