Allergie: attenti ai prodotti della bigiotteria

Allergie: attenti ai prodotti della bigiotteria

A livello europeo esistono già le normative che indicano il modo per disciplinare la materia, eppure, nonostante ciò, su 40 oggetti di bigiotteria esaminati almeno sei non ubbidivano alle norme e dunque continuavano a rilasciare sostanze capaci di determinare allergia in chi li avrebbe indossati

da in Allergie, Associazioni Consumatori, Batteri, Infezioni, Sudorazione
Ultimo aggiornamento:

    bigiotteria

    Il problema è rappresentato dalle allergie che certi metalli provocano a carico della pelle e nello specifico l’attenzione dei ricercatori si è concentrata sul nichel, un componente che viene utilizzato in particolari leghe nei prodotti di bigiotteria.

    Il motivo per il quale il nichel venga utilizzato è tutto derivante dalla capacità di questo metallo di resistere al tempo, all’azione delle sostanze esterne, alla possibilità offerta di resistere all’abrasione e allo scolorimento. Resta però il fatto che le leghe con nichel, proprio per la presenza di questo metallo, sono particolarmente portate a sviluppare composti che si uniscono con le sostanze acide emesse col sudore della persona che indossa certi braccialetti, ad esempio, provenienti dalla bigiotteria, col risultato di sviluppare dermatiti per lo più allergiche che tendono ad infettarsi per l’azione di batteroi ed altri agenti patogeni.

    A livello europeo esistono già le normative che indicano il modo per disciplinare la materia, eppure, nonostante ciò, su 40 oggetti di bigiotteria esaminati almeno sei non ubbidivano alle norme e dunque continuavano a rilasciare sostanze capaci di determinare allergia in chi li avrebbe indossati.


    In Italia siamo ancora ben lungi dall’aver disciplinato al meglio la materia che preveda la realizzazione di oggetti con una quantità di nichel al di sotto di quella ritenuta dannosa se in eccesso, così come fatto in passato con le monete da uno e due euro. Attualmente la richiesta in tal senso è stata inoltrata ai competenti Organi ministeriali e seguita da un’interrogazione al ministero dello Sviluppo Economico per sapere se intenda attivarsi in questo senso.

    304

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieAssociazioni ConsumatoriBatteriInfezioniSudorazione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI