Allergia: si può essere allergici alla propria moglie?

Allergia: si può essere allergici alla propria moglie?

Imputata, chiaramente, non la donna, semmai il polietilene glicolico usato da tante donne come ingrediente di creme e lozioni utilizzate dalla moglie per la cura della pelle

da in Allergie, Malattie, Primo Piano, Shock Anafilattico
Ultimo aggiornamento:

    allergie

    Una volta esistevano le scuse del tipo…. no caro, ho mal di testa, sono stanca, per celare la non predisposizione a fare l’amore col proprio marito o compagno che fosse, costretto a girarsi e rigirarsi dall’altro lato nel letto o abbandonarsi alla lettura di un romanzo… si spera non erotico! Ma adesso la possibilità di non fare sesso con la propria partner potrebbe essere data da una ragione molto più scientifica e meno pretestuosa e, a malincuore dobbiamo ammettere, che potrebbe essere questa la vera vendetta del maschio rispetto alla donna per sottrarsi ai doveri coniugali, anche se suo malgrado!

    Alla base di questo rifiuto certo da parte del marito nel fare sesso con una donna infatti potrebbe risiedere iuna grave allergia al semplice contatto col corpo della partner, responsabile di una grave crisi di tachicardia, prurito e bolle diffuso sul corpo.

    Imputata, chiaramente, non la donna, semmai il polietilene glicolico usato da tante donne come ingrediente di creme e lozioni utilizzate dalla moglie per la cura della pelle. E che stavolta non ci troviamo di fronte a delle scuse pretestuose del marito, meno attratto dalla moglie, lo dimostra il fatto che se lo stesso uomo si trova in ufficio, al cinema o al ristorante ove in quel momento v’è la presenza di una qualsiasi altra persona che usi cosmetici a base del composto chimico citato, la risposta del soggetto allergico è la stessa che nei casi limiti può portarlo di fronte persino ad uno shock anafilattico sino alla morte nelle situazioni più disperate.


    La vicenda che porta a queste sproporzionate risposte dell’organismo rispetto ad un allergene per di più solamente “respirato” nell’aria o nella peggiore delle ipotesi appena sfiorato con la pelle, è del tutto o in parte oscura agli stessi studiosi, vista la rarità di risposte di questo tipo da parte dell’organismo. Nel frattempo che si faccia piena luce sulla sostanza allergica in questione, null’altro resta da fare che munirsi di farmaci per fronteggiare le emergenze e se l’allergico in questione risulta coniuge di una persona che fa uso di prodotti a base di polietilene glicolico, converrà pianificare con la moglie o fidanzata che sia, gli amplessi, in modo che in quell’occasione la donna possa allontanare dalla sua pelle ogni piccolo residuo dell’allergene!

    443

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieMalattiePrimo PianoShock Anafilattico
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI