Allergia ai gatti: nuova cura, il segreto è un’iniezione

Allergia ai gatti: nuova cura, il segreto è un’iniezione

L’allergia ai gatti è molto diffusa, soprattutto nei bambini, nei quali causa l’asma: una nuova ricerca ha sperimentato un metodo innovativo, un’iniezione per scongiurare le reazioni allergiche

da in Allergie, Bambini, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    L'allergia ai gatti si cura con un'iniezione

    Simpatici battuffoli di pelo, amici fedeli e dalle “fusa” garantite: i gatti sono gli animali domestici a quattro zampe preferiti da molti, grandi e piccoli, ma, molto spesso, il loro morbido pelo scatena reazioni allergiche impreviste. Un recente studio potrebbe aver trovato la cura perfetta contro l’allergia ai gatti. Presto, forse, basterà un’iniezione per coccolare gli amici pelosi senza rischi.

    Proprio così, in futuro l’allergia ai gatti si potrà, forse, contrastare in modo efficace con una semplice iniezione, parola di un team di scienziati della McMaster University, che hanno condotto un primo trial sperimentale su 88 persone.

    Nel corso della sperimentazione, descritta sulle pagine della rivista scientifica Journal of Allergy and Clinical Immunology, è stato testato sulle persone coinvolte un vaccino ottenuto da una parte della proteina responsabile della reazione di tipo allergico.

    I primi risultati sono incoraggianti e aprono prospettive positive per il futuro: la somministrazione del vaccino, tramite l’iniezione, ha comportato una significativa riduzione degli effetti indesiderati legati all’allergia ai felini.

    Efficaci e più sicuri, almeno stando alle evidenze dello studio, secondo cui questa iniezione, ripetura per quattro volte, è in grado di immunizzare per almeno un anno, senza gli effetti collaterali tipici dei vaccini già disponibili.

    “L’allergia ai gatti è una delle più frequenti, ed è la principale causa di asma nei bambini, con questa ricerca abbiamo definito una dose di base che può essere presa come punto di partenza per le prossime sperimentazioni” hanno osservato gli autori della sperimentazione.

    335

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieBambiniNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI