Alimentazione: un Congresso sui benefici dell’olio di oliva

Alimentazione: un Congresso sui benefici dell’olio di oliva

Si continua a disquisire sui benefici per la salute ed il benessere dell'olio di oliva, non solo prezioso alleato della ditea contro le malattie cardiovascolari e neoplastiche, ma anche contro il Morbo di Alzheimer

da in Alimentazione, Antiossidanti, Dieta, Dieta mediterranea, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    olio d’oliva

    Continuano gli apprezzamenti all’olio di oliva extravergine, stavolta a decretarne il successo terapeutico è stato il convegno che si è tenuto sul tema “ Olio e Salute di Medoliva “, fiera mondiale dedicata all’extravergine di oliva, che si è tenuta ad Arezzo, dove si è posto l’accento su questo alimento che oltre a rappresentare un elemento principe della dieta mediterranea, diviene importantissimo alleato per la salute ed il benessere.

    L’occasione data ai relatori di disquisire sull’olio di oliva extravergine, è stata importante per risaltare il ruolo che la dieta mediterranea stessa determina sulla nostra salute, al punto che è vista da tutti gli Stati europei come la dieta più sana e corretta.

    E, dunque, se l’olio extravergine di oliva è tanto importante, si tratta di capire il ruolo dell’alimento ai fini della prevenzione dei tumori, ma anche di infarti e diabete e il ruolo principe in questo viene giocato dai fenoli, che sono antiossidanti con il ruolo di partecipare alla prevenzione del rilascio dei radicali liberi e dunque, anche solo per questo, svolge un ruolo principe nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e neoplastiche.

    L’evidenza del ruolo importante rivestito dall’alimento ce lo da l’altra constatazione, questa volta statistica, riguardo all’esito di studi effettuati in diversi Paesi europei, Italia compresa, che ha evidenziato come la diminuzione delle patologie relative ad eventi cardiovascolari sia direttamente proporzionale al consumo di olio di oliva, al punto che avvengono più accidenti vascolari e neoplasie in genere in quei Paesi d’Europa dove l’alimento è consumato meno.

    Il segreto di tutto ciò; contrariamente a quanto accade nei grassi animali, l’olio extravergine di oliva è ricco di acidi grassi monoinsaturi che sono senz’altro migliori di quelli polinsaturi e proteggono dal normale decadimento cognitivo provocato dall’età e sembra che rappresentino anche un’importante protezione contro il morbo di Alzheimer

    Fonte foto: Antonio Vergara

    401

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAntiossidantiDietaDieta mediterraneaMalattie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI