Alimentazione: un colpo d’occhio per riconoscere un cibo grasso

A queste persone sono state mostrate delle immagini raffiguranti determinati alimenti e la loro risposta è stata univoca, riuscendo tali persone a distinguere, con un semplice ” colpo d’occhio” della durata di 200 millesimi di secondo, se trattatasi di alimento grasso o light!

da , il

    cibi grassi

    Non è detto che occorra un’analisi sofisticata atta a stabilire le qualità organolettiche di un determinato cibo posto all’osservazione di un qualsiasi individuo; in maniera sicuramente più empirica e naturale, a scandagliare il cibo svelandone il contenuto di grassi detenuto da un alimento provvede bene e velocemente l’occhio umano.

    A dirlo un complesso lavoro scientifico dell’Università di Losanna in Svizzera e della Nestlè Research Center. Secondo tale studio scientifico, l’organismo umano è in grado di determinare la natura grassa o meno di un determinato alimento con la sola osservazione di esso, come si è evinto dall’esame elettroencefalografico effettuato su alcuni volontari che si sono prestati all’esperimento elvetico.

    A queste persone sono state mostrate delle immagini raffiguranti determinati alimenti e la loro risposta è stata univoca, riuscendo tali persone a distinguere, con un semplice “ colpo d’occhio” della durata di 200 millesimi di secondo, se trattatasi di alimento grasso o light!

    Tutto ciò dimostrerebbe come quelle aree del cervello associate ai processi decisionali siano particolarmente stimolate dai cibi grassi piuttosto che a loro più basso contenuto. Un esperimento questo ritenuto importante per meglio comprendere quali meccanismi intervengano nella scelta del cibo da parte degli umani.