NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Alimentazione: più si fraziona il cibo più alto il rischio che vada a male

Alimentazione: più si fraziona il cibo più alto il rischio che vada a male

Ad esempio, non va bene conservare il pesce in frigo per una durata superiore alle 24 ore visto che il cibo in questo caso diviene deperibile anzitempo causando tossinfezioni alimentari; stessa cosa dovrebbe valere per la carne

da in Alimentazione, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    siupermercati

    Mettiamo il cibo in frigo e non sappiamo neanche bene quanto duri senza che vada a male, perché non sempre siamo in grado di stabilire la data di scadenza, col risultato che per stabilire se il cibo è ancora commestibile dobbiamo fare riferimento all’olfatto e alla vista.

    C’è da dire che non è proprio detto che la data di scadenza per un cibo debba corrispondere alla data in cui lo stesso sia andato a male, ma dovrebbero tuttavia valere dei sistemi generali che ognuno di noi dovrebbe poter e soprattutto sapere mettere in atto.

    Ad esempio, non va bene conservare il pesce in frigo per una durata superiore alle 24 ore visto che il cibo in questo caso diviene deperibile anzitempo causando tossinfezioni alimentari; stessa cosa dovrebbe valere per la carne.

    Altra regola che dovrebbe servire quando si fa la spesa è quella di acquistare e scegliere confezioni poste più indietro possibile, visto che nei supermercati si tende a mettere le confezioni che stanno per scadere a portata di mano del cliente. Quando poi si acquista il formaggio meglio sarebbe scegliere quello appena tagliato evitando, anche se non sempre è possibile, confezioni già preparate.

    Ma c’è una regola generale che dovrebbe sempre valere, ovvero, evitare di frazionare il più possibile il cibo, visto che più si fraziona più il rischio che vada a male anzitempo, diviene elevato.

    Per il resto serve anche il buonsenso del consumatore che dovrebbe attenzionare i cibi che conserva in frigo, che dovrebbe badare alle date di scadenza in proprio e non affidandosi alla cura del negozio dove sceglie i prodotti e che dovrebbe prestare molta attenzione ai prodotti congelati e al loro utilizzo.

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneMalattie
    PIÙ POPOLARI