Alimentazione: pane alla vitamina D per chi ha poco calcio

È allo studio un tipo particolare di pane alla vitamina D, ideale nell’alimentazione di chi ha poco calcio, per preservare la salute delle ossa e per garantire la prevenzione nei confronti di altre malattie

da , il

    alimentazione pane vitamina d calcio

    Nell’alimentazione potrebbe essere introdotto il pane alla vitamina D per chi ha poco calcio. Si tratta di una novità interessante, che intende rimediare al rischio delle ossa fragili associato alla carenza di vitamina D nell’organismo. Il pane arricchito di vitamina D grazie ad un lievito particolare è un oggetto di studio, che apre prospettive da tenere in considerazione in tema di nutrizione.

    Ripristinare un adeguato livello di vitamina D è importante per la salute. In particolare i ricercatori hanno eseguito vari esperimenti sulla vitamina D2, che svolgerebbe un ruolo di primo piano nell’apportare benefici ricavati dalla dieta che i soggetti seguono. Quello della vitamina D insufficiente a garantire la salute delle ossa è un problema che riguarda molte persone. Le ultime stime indicano che negli Stati Uniti la questione interessa sette individui su dieci.

    Per la prevenzione delle fratture occorrono più calcio e vitamina D, che si configura come una vera e propria scorta che consente di assorbire il calcio. Le ultime ricerche a questo proposito sottolineano che la carenza di vitamina D ha molti effetti negativi, influendo sullo sviluppo di diverse malattie, dai disturbi cardiovascolari alle allergie, soprattutto nei bambini.

    Il segreto è dare spazio al pesce, alle uova e al latte. Tuttavia tutto ciò potrebbe anche non bastare, in particolare in inverno, quando non si può contare su un’esposizione prolungata ai raggi del sole. Spesso si ricorre a degli integratori alimentari per allontanare soprattutto il rischio di incorrere nell’osteoporosi. Il pane alla vitamina D intende risolvere proprio questi inconvenienti.