Alimentazione: la mancanza di calcio nel bambino causa obesità

Alimentazione: la mancanza di calcio nel bambino causa obesità

Tutt'altro che trascurabile la mancanza di calcio nel bambino, al contrario, l'ipocalcemia causa obesità del bambino anche da adulto

da in Alimentazione, Calcio, Cellule Staminali, Malattie, Obesità, Ossa, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    neonato

    Un tempo si riteneva che l’ipocalcemia manifestatasi nel neonato potesse avere conseguenze meno pesanti nella salute del bambino e comunque fosse origine di determinati inconvenienti reversibili una volta riportato a livelli fisiologici il calcio ematico.

    Ma adesso si sa che così non è, la mancanza di calcio durante l’infanzia, soprattutto se protratta nel tempo, è causa di obesità da adulti; a renderlo noto uno studio compiuto dalla North Carolina State University.

    Lo studio è stato effettuato su una popolazione rappresentata da 24 maialini, ai primi dodici è stata proposta una dieta povera di calcio, al restante gruppo analoga dieta ma arricchita di calcio, sempre nei limiti della normalità. L’evidenza dell’accaduto ha sconvolto i ricercatori i quali hanno assistito oltre ad una normale minore densità delle ossa nei maialini sottoposti a dieta ipocalcica, anche ad un gran numero di cellule staminali già programmate per mutare la loro vocazione da tessuto osseo a tessuto adiposo e ciò accadeva già dal diciottesimo giorno di dieta.

    Queste cellule, affermano gli autori, sono quelle che producono ossa per tutto il resto della vita, quindi la mancanza di calcio iniziale potrebbe diventare a lungo termine non solo osteoporosi ma anche obesità. I ricercatori non si sono fermati a questo, vogliono vedere cosa accade nel tempo a quei maialini sottoposti a dieta ipocalcica nel tempo, ovvero, raggiunta la maturità sessuale.

    “Questa ricerca evidenzia la necessità di monitorare lo stato nutrizionale già dai primi giorni di vita del bambino – ha affermato Chad Stahl, coordinatore dello studio – inoltre si deve controllare la salute delle ossa da subito, e non quando la crescita del bambino diventa più veloce”.

    Fonte foto: Speradisole

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCalcioCellule StaminaliMalattieObesitàOssaPrimo PianoRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI