NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Alimentazione: l’ossessione per il cibo si combatte con le immagini

Alimentazione: l’ossessione per il cibo si combatte con le immagini

Una ricerca australiana afferma che l’ossessione per il cibo può essere combattuta sfruttando le immagini mentali e impegnando il soggetto dal punto di vista cognitivo con la visione di immagini, anche grazie a netbook e smartphone

da in Alimentazione, Dipendenze, Mangiar sano, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    ossessione cibo

    L’ossessione per il cibo è una vera e propria minaccia per la salute. Di questo sono convinte in particolar modo due ricercatrici australiane, Eva Kemps e Marika Tiggemann della Flinders University, che da tempo si stanno occupando dell’argomento. Questa ossessione infatti può provocare conseguenze molto più gravi che coinvolgono soprattutto le fragilità psicologiche.

    Il risultati potrebbe essere il fatto che si rischia di incorrere in disturbi come la bulimia, oltre al fatto che è sempre incombente la minaccia rappresentata dall’obesità. il desiderio di cibo può in sostanza diventare patologico, ma, ma secondo le ricercatrici suddette esiste un modo per contrastare questa ossessione. Si tratta di sfruttare l’immaginazione mentale. L’uomo ha infatti una tendenza naturale a creare immagini nella propria mente.

    Proprio le immagini mentali relativi al cibo possono far insorgere l’ossessione, fino a non permetterci di pensare ad altro.

    Gli effetti sarebbero simili a quelli determinati a quegli elementi che sono in grado di generare fenomeni di dipendenza come il fumo, le droghe o l’alcool. In particolare le ricercatrici si sono occupate di studiare il fenomeno della dipendenza alimentare del cioccolato, che è ingenerato proprio sul piano delle immagini mentali rapportate ad un livello visivo.

    Per contrastare queste ossessioni “visive”, occorre tenere il cervello del soggetto impegnato dal punto di vista cognitivo proprio a livello visivo. Un aiuto in tal senso potrebbe essere fornito dalle nuove tecnologie, come netbook e smartphone, in grado di distrarre il soggetto con le immagini, prima che il desiderio del cibo prenda il sopravvento.

    Immagine tratta da: dieta-dimagrante.com

    345

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDipendenzeMangiar sanoMentePsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI