Alimentazione: l’etichetta dei cibi, garanzia di trasparenza, è legge

Alimentazione: l’etichetta dei cibi, garanzia di trasparenza, è legge

La qualità e la trasparenza dei prodotti alimentari, finalmente, è legge: l’etichetta dovrà riportare tutte le informazioni utili sul prodotto, dalla provenienza, fino alla presenza di Ogm

da in Alimentazione, Mangiar Sano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Etichetta alimenti, nuova legge di tutela

    Etichetta alimenti, nuova legge di tutela La qualità dei prodotti alimentari, dei cibi che i consumatori italiani aquistano al supermercato e poi portano in tavola è al sicuro o, almeno, è “trasparente”, grazie alla recente approvazione della legge ‘Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari’ da parte della Commissione Agricoltura della Camera, nota anche come legge salva-Made in Italy.

    Dopo dieci anni di battaglie e di rivendicazioni da parte delle associazioni che si battono da sempre per la tutela del Made in Italy e della trasparenza della qualità dei prodotti alimentari, come Coldiretti, oggi, finalmente, l’obbligo di indicare la provenienza degli alimenti in etichetta è legge.

    Molte le novità interessanti e da non sottovalutare, come sottolinea Coldiretti, come l’articolo 4, “l’articolo centrale della legge è il numero 4 sull’etichettatura dei prodotti alimentari. Vi si prevede che, al fine di assicurare ai consumatori una completa e corretta informazione sulle caratteristiche dei prodotti alimentari commercializzati, trasformati, parzialmente trasformati o non trasformati, nonché al fine di rafforzare la prevenzione e la repressione delle frodi alimentari, è obbligatorio, nei limiti e secondo le procedure stabilite, riportare nell’etichettatura di tali prodotti, oltre alle indicazioni di cui all’articolo 3 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n.109, e successive modificazioni, l’indicazione del luogo di origine o di provenienza e, in conformità alla normativa dell’Unione europea, dell’eventuale utilizzazione di ingredienti in cui vi sia presenza di organismi geneticamente modificati (Ogm) in qualunque fase della catena alimentare, dal luogo di produzione iniziale fino al consumo finale”.

    Garanzia sulla provenienza, sulla composizione, sulle caratteristiche e sulla qualità dei prodotti alimentari che gli italiani possono acquistare: basterà leggere attentamente l’etichetta per fare una scelta davvero consapevole.


    La legge è scritta e approvata, ora manca solo che la macchina burocratica e amministrativa si metta in moto, per renderla davvero efficace. “Entro sessanta giorni dall’approvazione della legge dovranno essere emanati decreti interministeriali da parte del ministero dello Sviluppo economico e di quello delle Politiche agricole, sentite le organizzazioni maggiormente rappresentative a livello nazionale nei settori della produzione e della trasformazione agroalimentare e acquisiti i pareri delle competenti Commissioni parlamentari, con cui verranno definite le modalità per l’indicazione obbligatoria, nonché le disposizioni relative alla tracciabilità dei prodotti agricoli di origine o di provenienza del territorio nazionale” ha aggiunto Coldiretti.

    445

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneMangiar SanoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI