NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Alimentazione: Italiani attenti ma poco preparati

Alimentazione: Italiani attenti ma poco preparati

Seguono un'alimentazione corretta, a parola, ma spesso sono ancora disinformati: questi gli Italiani a tavola secondo un'indagine ISPO

da in Alimentazione, Benessere, Dieta, Mangiar Sano
Ultimo aggiornamento:

    alimentazione italiani

    Seguite un’alimentazione corretta? Se la pensate come la maggior parte degli Italiani, risponderete probabilmente che la vostra alimentazione è equilibrata e corretta. Ma conoscete l’apporto calorico ideale giornaliero? E qui forse non tutti sapranno rispondere. Per lo meno così è emerso dall’indagine ISPO “Gli Italiani e l’alimentazione”: se il 78% dichiara di sapere come mangiare correttamente, solo il 25% conoscere il giusto apporto di calorie.

    Ne emerge un quadro in cui spiccano, quindi, i cosiddetti “sedicenti informati”, che rappresentano quasi la metà dei consumatori (45%): credono di avere un livello di informazione in materia alimentare sufficiente, ma alla prova dei fatti non è così. Non mancano certo i veri informati (il 21%), ma anche quelli coscientemente impreparati (13%).
     

    Al di là delle conoscenze, le abitudini alimentari degli Italiani si possono riassumere in tre categorie. Ci sono i cosiddetti “compensatori”, che rappresentano un 47%, che alternano cura per l’alimentazione a piccoli vizi, seguiti dai “gaudenti frettolosi” (35%), che si concedono extra senza problemi e sono propensi a saltare qualche volta i pasti.

    Pochi, solo il 18%, i salutisti attenti, quelli che non si concedono peccati di gola di sorta.
     

    Come rimanere aggiornati e informati e, soprattutto, imparare a usare le informazioni per seguire realmente un corretto regime alimentare? Gli esperti della nutrizione hanno stilato alcuni semplici consigli utili:

  • tenersi informati, approfondendo le notizie che si leggono, scegliendo con accuratezza le fonti, verificando verificare le informazioni con il medico, essendo a propria volta di esempio e fonte di informazione nutrizionale per gli altri e usando le nozioni per acquisti alimentari consapevoli;
  • leggere sempre le etichette, che riportano oltre agli ingredienti, anche il contenuto di nutrienti;
  • praticare attività sportiva e verificare se il proprio stile di vita modifica le proprie esigenze alimentari;
  • tener conto delle esigenze nutrizionali specifiche di ciascun membro della famiglia: è importante che il responsabile dell’alimentazione conosca le specificità di ciascuna fascia di età;
  • informarsi sull’apporto di liquidi più appropriato in base al proprio stile di vita, raggiungendo e mantenendo un corretto livello di idratazione, anche su consiglio del medico;
  • evitare di seguire diete solo perché vanno di moda, in particolare quelle che prevedono l’eliminazione di alcuni gruppi alimentari o che si limitano a pochi cibi consentiti, e non farsi condizionare dall’aspetto di modelli esterni. In caso di problemi di peso, calcolare il proprio fabbisogno calorico, di grassi e carboidrati con l’aiuto del medico.
  • 500

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereDietaMangiar Sano
    PIÙ POPOLARI