Alimentazione: i consigli per essere snelle e in forma a Natale

I cibi giusti per affrontare le festività natalizie

da , il

    Panettone, pandoro, torrone, ricciarelli, struffoli… Natale ci riserva ogni anno tanti cibi deliziosi legati alla tradizione, da gustare insieme ad amici e parenti. Chi però ha già adesso qualche problema di linea guarda a questo periodo con crescente preoccupazione. Le riviste specializzate dedicano alle diete disintossicanti del dopo Natale interi servizi. E se invece quest’anno giocassimo d’anticipo?

    Una bella mangiata in un giorno di festa si può smaltire meglio se è preceduta da un paio di settimane di buona e sana alimentazione. Tenendo presente questo, si può ottenere un doppio vantaggio. Primo, la zip del nostro vestito di Natale o di Capodanno si chiuderà meglio permettendoci di sfoggiare un aspetto migliore. Secondo, potremo iniziare il 2008 senza bisogno di pianificare diete da fame per riprendere la linea perduta. Siete pronte per l’ardua impresa? Ecco allora qualche consiglio utile.

    I cereali integrali costituiscono un importante alleato per la salute del corpo. Il loro contenuto di fibre svolge una importante funzione di eliminazione delle tossine dall’organismo e inoltre aumenta il senso di sazietà. Iniziare è facile. La prossima volta che andrete a fare la spesa, scegliete una bella busta da un Kg di riso integrale biologico. Basta lessarlo calcolando 10-15 minuti in più di cottura e abbinarlo a delle verdure a basso contenuto calorico per avere un piatto sano e salutare. E se volete puntare sulla varietà, avrete solo l’imbarazzo della scelta: farro, miglio, kamut, grano saraceno, orzo, segale, avena e mais sono ormai in commercio sotto forma di chicchi, fiocchi o farine anche negli ipermercati.

    Il secondo passo può essere quello di puntare sul valore aggiunto dell’alleanza tra enzimi della frutta e vitamine. La vitamina C e le vitamine del gruppo B (presenti nei cereali integrali, nei latticini e nelle verdure a foglia verde) aiutano infatti a “bruciare” i carboidrati. Gli enzimi contenuti in ananas, papaia, mango e kiwi aiutano invece a metabolizzare le proteine e ad eliminare i gas intestinali che gonfiano l’addome. Provate quindi a consumare ananas fresco a colazione o a merenda, alternandolo con kiwi o papaia. Ricordatevi poi di bere molti liquidi e di praticare ogni giorno una leggera attività fisica. Nel giro di un paio di settimane avrete un aspetto più asciutto e pronto ad affrontare la chiusura di cerniere e bottoni.

    Infine, una parola sugli zuccheri, anzi sullo zucchero bianco. L’abuso di dolci è effettivamente una delle cause più frequenti dell’aumento del peso. Tuttavia, gli zuccheri svolgono l’importante funzione di aiutare la combustione dei nutrienti a livello cellulare nel nostro organismo. Non è quindi una buona idea eliminarli del tutto dalla dieta, peggio ancora se di botto. Puntate invece sui dolcificanti naturali e riducete la quantità di dolci. Nelle erboristerie potrete ad esempio trovare i malti ricavati dalla lavorzione dei cereali integrali, molto ricchi di enzimi salutari e facilmente assimilabili dall’organismo. Oppure, potete puntare su fruttosio, sciroppo di acero o miele.

    Insomma, nessun alimento dovrebbe essere mai demonizzato, a meno di non avere una qualche allergia o intolleranza. E un po’ di dolcezza nel corso della giornata può aiutare a coccolarci senza pericolo per la bilancia.