Alimentazione: c’è rischio pollo alla varechina

Alimentazione: c’è rischio pollo alla varechina

Il lavaggio delle carni macellate negli USA con prodotti vietati in Europa sarebbe al centro di un allarme anche sulle nostre tavole per colpa di una non conformità nei protocolli di import export tra America e Europa, a conferma della pericolosità si pronuncia la CIA, per allertare i consumatori al controllo dei dati di tracciabilità degli alimenti

da in Alimentazione, Infezioni, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    C’è allarme per le nostre tavole, dall’America potrebbero giungere i polli alla varechina e ciò in quanto le Autorità americane verrebbero meno ad un accordo stipulato con l’Unione Europea una dozzina di anni fa che vietava che i polli macellati ed esportati nel Vecchio Continente non dovessero essere trattati con lavaggi chimici al fine di annientare i microbi che si depositano sulle carcasse, fra le principali sostanze utilizzate ricordiamo l’ ipoclorito di sodio, la soluzione fin’ora decisa e stabilita dai due Continente era la semplice acqua potabile.

    A lanciare l’allarme la Coldiretti che ha stigmatizzato il pericolo che si corre con sostanze chimiche che entrerebbero nel trattamento delle carcasse, ricordiamo il biossido di cloro, il cloruro di sodio acidificato, il fosfato trisodico che, dopo il trattamento rilascerebbero residui di queste sostanze col rischio per la salute, senza considerare che tali metodiche alterano anche la palatabilità della carne, ma c’è di più, secondo Coldiretti non c’è solo il rischio tossicologico relativo a queste sosatnze chimiche, ma anche quello di incorrere in infezioni, visto che si creerebbero ceppi resistenti nel tempo col rischio di infettare in maniera anche peggiore nel tempo, le carni.

    Anche la Cia, ovvero, la Confederazione Italiana Agricoltori si oppone all’abolizione del divieto sottolineando ancora di più l’importanza dell’etichettatura di tutte le carni, soprattutto di quelle provenienti dall’estero, un fatto questo che garantisce il consumatore ed il produttore insieme che non vorrebbero mai imbattersi su un pollo cucinato e preventivamente trattato con un numero indefinito di sostanze chimiche pericolose, capaci di provocare malattie, compresi eventuali tumori.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneInfezioniTumori
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI