Alcol: responsabile di tumori al seno nelle giovanissime donne

Lo studio è stato condotto su una popolazione di adolescenti di età compresa fra i 9 ed i 15 anni d’età, nel periodo compreso tra il 1996 ed il 2007; chiamate in causa sono stati ben settemila soggetti dove si è visto che nei soggetti adusi a bere tali patologie aumentavano di cinque volte e mezzo rispetto ai loro coetanei astemi o che bevevano in quantità moderata

da , il

    alcol-in-eccesso-nelle-giovanissime-determina-patologie-al-seno

    Le adolescenti e le giovani donne non dovrebbero esagerare con gli alcolici; tale monito arriva da uno studio della Washington University School of Medicine che è stata pubblicato sulla rivista Pediatrics, il motivo sarebbe riconducibile al fatto che coloro che eccedono col consumo di bevande alcoliche a quell’età potrebbero riportare lesioni rappresentate da forme benigne riconducibili a tumori al seno che potrebbero trasformarsi nel tempo anche in tumori maligni.

    Lo studio è stato condotto su una popolazione di adolescenti di età compresa fra i 9 ed i 15 anni d’età, nel periodo compreso tra il 1996 ed il 2007; chiamate in causa sono stati ben settemila soggetti dove si è visto che nei soggetti adusi a bere tali patologie aumentavano di cinque volte e mezzo rispetto ai loro coetanei astemi o che bevevano in quantità moderata.

    “Che l’alcol sia un fattore di rischio nelle donne adulte era gia’ noto“, ha spiegato Graham Colditz, autore dello studio, “ma molte iniziano a bere gia’ in adolescenza, proprio quando il tessuto del seno e’ in rapida formazione, quindi volevamo capire se l’alcol puo’ essere un fattore di rischio anche a questa eta’, e i risultati l’hanno confermato”.

    Insomma, l’alcol determinerebbe i propri effetti avversi in queste giovani donne per via dei danni che arreca al tessuto in formazione qual è di fatto quello delle adolescenti; eppure proprio in quest’epoca si assiste sempre di più all’evidenza di come si sia drammaticamente abbassata l’età di ingresso nel mondo dell’alcol da parte di giovanissimi che non solo bevono, ma che finiscono con l’ubriacarsi con pericolosa disinvoltura.