Aids: vaccino terapeutico italiano, alleato del sistema immunitario

Aids: vaccino terapeutico italiano, alleato del sistema immunitario

E’ tutto italiano il vaccino terapeutico per l’aids: il vaccino non cura la patologia, ma migliora le funzioni immunitarie, con riflessi positivi sulla qualità di vita dei pazienti

da in AIDS, Malattie, News Salute, Vaccini
Ultimo aggiornamento:

    Aids, il vaccino terapeutico

    Davvero una belle scoperta, tutta italiana: un vaccino innovativo, di tipo terapeutico, è in fase di sperimentazione e i primi risultati sono davvero incoraggianti. Il vaccino, secondo quanto dichiarato dagli esperti del Centro nazionale Aids, dell’Istituto Superiore di Sanità, sarebbe in grado di migliorare le funzioni immunitarie delle persone colpite dalla grave patologia.

    Lo studio, pubblicato sulle pagine della prestigiosa rivista scientifica PlosOne, ha dimostrato un netto miglioramento delle condizioni del sistema immunitario, delle sue funzionalità, grazie all’utilizzo del vaccino. Negli 87 pazienti affetti da Aids trattati con il vaccino, in combinazione con la tradizionale terapia antiretrovirale, trascorse 48 settimane di monitoraggio e osservazione, le funzioni immunitarie, già fortemente compromesse dalla presenza del virus nell’organismo, hanno subito un notevole miglioramento.

    “Migliora la loro qualità della vita, perchè anche se le terapie bloccano il virus non riescono a bloccare una serie di altre disfunzioni che continuano a esserci, da quelle cardiovascolari a quelle cerebrali, fino all’invecchiamento precoce, con gente di 40 anni che ne dimostra 70” ha osservato uno dei ricercatori che sta conducendo la sperimentazione.

    Il vaccino non è in grado di guarire dalla patologia, ma è in grado di migliorarne la gestione, di rendere la convivenza forzata più sopportabile. “Questo vaccino arriva dove i farmaci non arrivano. Blocca l’immunoattivazione, aumenta le cellule B, le cellule immunitarie ritrovano funzionalità, c’è, insomma, un ritorno verso l’equilibrio in pazienti che sono già sottoposti a una terapia farmacologia efficace” ha aggiunto il ricercatore.

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AIDSMalattieNews SaluteVaccini
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI