NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

AIDS: una proteina della banana si oppone alla malattia

AIDS: una proteina della banana si oppone alla malattia

Parliamo della proteina BanLec che potrebbe essere estratta ed utilizzata in un prodotto farmaceutico sotto forma di crema vaginale in modo da opporsi all’ingresso dell’agente patogeno

da in AIDS, Malattie, Ricerca Medica, Virus
Ultimo aggiornamento:

    banane

    Magari esordire dicendo che dall’AIDS ci salveranno le banane è sicuramente eccessivo, se invece ammettiamo che, secondo gli ultimi riscontri scientifici, il contenuto organolettico di questo frutto può darci una mano per proteggerci dalla grave malattia, potremmo cominciare a valutare la cosa da un’altra angolazione.

    Lo avrebbero scoperto ricercatori della Medical School dell’Università del Michigan che hanno pubblicato i risultati della loro scoperta sul Journal of Biological Chemistry e che avrebbero al contempo rilevato come una proteina contenuta nelle banane, la lecitina, abbia proprietà terapeutiche per opporsi efficacemente contro la grave malattia virale.

    Parliamo della proteina BanLec che potrebbe essere estratta ed utilizzata in un prodotto farmaceutico sotto forma di crema vaginale in modo da opporsi all’ingresso dell’agente patogeno. Ciò non significa che l’attuale arma a disposizione contro l’AIDS, rappresentato dal preservativo, sia superata da ogni altro presidio, ma semmai aggiuntivo a questo, a dimostrazione per quelli che ancora oggi si ostinano a non usare il profilattico o ad usarlo male, che come ormai ben si sa, il metodo diffusione della malattia è in parte strettamente connesso alla sfera sessuale e, dunque, disporre di una barriera meccanica all’ingresso del virus è la prima vera arma efficace.

    Ci pare dunque di capire che la nuova scoperta abbia scopo preventivo alla malattia stessa evitandone la diffusione.

    Nello specifico sembrerebbe infatti che la nuova proteina scoperta, legandosi alle proteine virali evita la mutazione del virus che è poi la caratteristica di tali agenti patogeni che consente loro di aggregarsi alle cellule sane dell’organismo distruggendole, una volta sottratto loro il patrimonio genetico.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AIDSMalattieRicerca MedicaVirus
    PIÙ POPOLARI