NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Affrontare gli esami di maturità con l’aiuto di zinco e ferro

Affrontare gli esami di maturità con l’aiuto di zinco e ferro

Gli esami di maturità possono essere affrontati meglio grazie all’apporto nel nostro organismo di ferro e zinco, sali minerali in grado di influenzare le performances e i risultati scolastici

da in Alimentazione, Sali minerali
Ultimo aggiornamento:

    esami maturita zinco ferro

    Gli esami di maturità possono essere affrontati con il giusto apporto di zinco e ferro nel nostro organismo. Non dobbiamo dimenticare infatti che i sali minerali possono influire sulle prestazioni scolastiche, secondo ciò che è stato messo in evidenza da una ricerca portata avanti dal dottor Roberto Aquilani, responsabile del Servizio di Fisiopatologia Metabolico-nutrizionale dell’Istituto Scientifico di Montescano dell’IRCCS Fondazione Maugeri. L’alimentazione quindi influisce in modo sostanziale sui risultati dell’apprendimento e delle performances intellettive.

    Lo studio ha preso in considerazione 40 studentesse con un’età media di 14 anni, anche se il discorso potrebbe valere anche per un livello di età più alto. La correlazione fra regime alimentare e risultati scolastici è stata riscontrata grazie al fatto che le studentesse per una settimana hanno aggiornato un diario alimentare. Sono stati registrati diversi dati che si riferivano ai risultati conseguiti in italiano e in matematica e quelli che riguardavano i differenti nutrienti assunti attraverso l’alimentazione.

    L’analisi dei dati registrati ha dato risultati piuttosto chiari: il rendimento sia in italiano che in matematica è risultato migliore in corrispondenza dell’assunzione di ferro, mentre l’apporto di zinco sembra influire solo sul rendimento relativo alla matematica.

    D’altronde la ricerca scientifica aveva già dimostrato come agli esami di maturità le prove possono rivelarsi più facili con la dieta giusta.

    Il dottor Roberto Aquilani ha dichiarato: “Con lo studio realizzato in collaborazione con gli insegnanti della scuola L.G. Faravelli di Stradella (PV), abbiamo voluto indagare, nello specifico, gli effetti di ferro e zinco assunti con la normale alimentazione nell’apprendimento scolastico delle ragazze in età adolescenziale, che notoriamente soffrono della mancanza o carenza di questi elementi, in particolare del ferro, in parte perché ne assumono meno rispetto ai maschi, in parte perché a questa età ne perdono in quantità maggiore per via del ciclo mestruale.

    Gli alimenti più ricchi di zinco e di ferro

    Lo zinco è molto importante per il nostro organismo. Fa parte infatti di quei complessi enzimatici che si rivelano importanti per il funzionamento di vari ormoni, compresi l’insulina e l’ormone della crescita. Gli alimenti più ricchi di zinco sono: ostriche, lievito, fegato, latte e carne.

    Per quanto riguarda invece il ferro invece occorre considerare non tanto la quantità di ferro assoluta presente in un dato alimento, ma la sua biodisponibilità, la percentuale effettiva che il nostro organismo riesce ad assorbire. Da questo punto di vista gli alimenti con più alto contenuto di ferro possono essere considerati: fegato d’oca, cioccolato fondente amaro, vongole, cacao amaro, ostriche, caviale, paté di pollo e muesli.

    504

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneSali minerali
    PIÙ POPOLARI