NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

ADA: diabetologi a congresso

ADA: diabetologi a congresso

Il diabete di tipo II sta dilagando come una epidemia, e non ci sono modi di fermarlo, al momento

da in Diabete Tipo-II, Farmaci, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Insulina

    Dopo il convegno annuale dell’ADA, l’Associazione dei Diabetologi Americani, sull’onda della campagna di prevenzione europea, si sono prestate piu’ di una pagina di quotidiano, alla trattazione di un argomento delicatissimo come quello del diabete, che secondo quanto dichiarato dai medici riuniti a congresso, sta assumendo le dimensioni di una epidemia.

    Paragonato allo tsunami, il diabete, e’ stato considerato dai ricercatori americani uno dei piu’ pericolosi mali del secolo, capace di mietere vittime silenziosamente, ma ormai sotto il mirino di tutte le armi; il diabete di Tipo 2 sta mietendo vittime su vittime in tutto il mondo, gente normale, che improvvisamente si vede schizzare in alto il valore della glicemia, e non riesce piu’ a guarire.

    Allarmati i medici, che contano circa 246 milioni di malati in tutto il mondo (il 7,1 per cento della popolazione adulta), che sarebbero pero’ destinati a diventare ben 380 entro il 2025. Ma perche’ succede questo?

    La produzione di insulina, da parte del pancreas, si altera a causa di un difetto delle beta cellule del pancreas, e secondo la ricerca fatta, sarebbero in aumento i casi di persone affette da questo distirbo, mentre dall’altra ci sarebbero i disturbi del sonno, al centro del processo, che con le loro apnee notturne sono sempre correlati a persone malate di diabete.

    Non basta la prevenzione, lo dicono gli epserti, ormai bisogna intervenire di fatto, con i farmaci, si parla di medicinali ipoglicemizzanti ma anche di insulina; a trattare le terapie lo studio IMPROVE, che si e’ basato sulla sperimentazione della insulina Novo Mix 30, raggiungendo ottimi risultati, sperimentato su 58 mila pazienti in 11 paesi diversi del mondo.

    Il farmaco sperimentato sarebbe ottenuto con la tecnologia del Dna ricombinante: esso contiene due forme di insulina aspart premiscelate. Tra gli ipoglicemizzanti si distingue invece il Novo Nordisk, di liraglutide.


    Immagine

    384

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Diabete Tipo-IIFarmaciNews Salute
    PIÙ POPOLARI