Abbronzanti: le nuove disposizioni e come utilizzare le creme

Abbronzanti: le nuove disposizioni e come utilizzare le creme
da in Abbronzatura, Benessere, News Salute, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:

    Abbronzatura

    Nonostante siano state emanate le norme, in tema di abbronzanti c’è ancora confusione, se solo si pensi su 10 abbronzanti in commercio, secondo un’indagine effettuata dalla Commissione UE, sono sette quelle che rispondono ai requisiti richiesti, tre restano al palo. Il che significa che in commercio troviamo il 30% degli abbronzanti che ancora non rispetta quanto disposto dalla Comunità Europea, ciò non significa che siano illegali ma conviene diffidare da quelle marche che considerano i suggerimenti comunitari come un eccesso di zelo e null’altro.

    Quali regole dalla Commissione Europea

    Come ormai è risaputo, non esiste lo “schermo totale “ o la protezione al 100% chi scrive nella confezione tale qualità del proprio prodotto non dice il vero.

    La reale protezione
    Secondo la Commissionaria alla Salute, Androula Vassiliou, sarebbe meglio se i consumatori scegliessero le creme solari facendo riferimento a quattro fasce di protezione (bassa, media, alta, molto alta). Ancora meglio poi se le etichette dessero indicazioni chiare anche per quanto riguarda la protezione dai raggi UVA. Se infatti sono i raggi UVB (con lunghezze d’onda più corte) a causare scottature ed eritemi, i raggi UVA (con lunghezze d’onda maggiori) sono dannosi nel lungo periodo, causando l’invecchiamento precoce della pelle. Entrambi i tipi di raggi, poi, interferiscono con il sistema immunitario e accrescono fortemente il rischio di cancro della pelle.


    Non esistono le protezioni per l’intero giorno

    Le protezioni non proteggono per l’intera giornata ma vanno rimesse nell’arco della giornata, per non parlare quando ci si bagna. . Per avere una protezione efficace, inoltre, si devono utilizzare, per il corpo di un adulto medio, circa 6 cucchiaini da tè di lozione (36 grammi circa). Mentre mediamente i consumatori utilizzano soltanto ½ di tale quantità.

    Ecco lo schema riassuntivo sui fattori di protezione (i prodotti il cui fattore è inferiore a 6 sono considerati abbronzanti ma non protettivi):
    Categoria indicata sull’etichetta e Fattore di protezione indicata sul prodotto
    BASSA PROTEZIONE: “6″ – “10″
    MEDIA PROTEZIONE: “15″ – “20″ – “25″
    ALTA PROTEZIONE: “30″ – “50″
    PROTEZIONE MOLTO ALTA: “50 +”

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbronzaturaBenessereNews SalutePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI