6 comportamenti negativi che fanno bene

Il modo di reagire a determinati problemi può salvare da situazioni peggiori. Ecco 6 atteggiamenti spesso considerati negativi ma che, in realtà, fanno bene.

da , il

    Esistono dei comportamenti ritenuti negativi che, invece, fanno bene. Sono molte le persone che ritengono che alcuni atteggiamenti, modi di comportarsi e di affrontare i problemi siano del tutto negativi, ma non sempre è così. A volte, il nostro modo di reagire a determinati problemi può salvarci da situazioni peggiori. Quali sono alcuni di questi comportamenti? Ecco 6 atteggiamenti spesso considerati negativi ma che, in realtà, fanno bene per diversi motivi.

    1. Piangere

    Può sembrare, forse, scontato, ma piangere è un atteggiamento sano in alcune situazioni. Perché? Il pianto è una risposta emotiva che permette di affrontare il dolore e ripartire con più carica positiva, in seguito. Sia le lacrime di dolore che quelle di gioia aiutano la nostra psiche ad eliminare quella energia che potrebbe essere dannosa, se trattenuta.

    2. Parlare da soli

    Parlare da soli fa bene: niente più pregiudizi al riguardo, quindi, perché pare sia l’esatto contrario di quanto comunemente pensato. Secondo alcuni studi, parlare con se stessi contribuirebbe ad aumentare l’intelligenza ed aiuterebbe a risolvere in totale autonomia i problemi, più facilmente e velocemente. Inoltre, parlare da soli permette di sfogarci, un po’ come accade grazie alla scrittura.

    3. Sentirsi soli

    Anche sentirsi soli pare abbia i suoi aspetti positivi: la solitudine aiuta, infatti, a raggiungere un livello più profondo di noi stessi, che non potremmo mai scoprire in compagnia di altri. Restare con noi stessi, escludendo gli stimoli esterni una volta ogni tanto, può solo far bene ed aiutare a crescere interiormente.

    4. Arrabbiarsi

    Chi l’ha detto che la rabbia è qualcosa da considerare sempre negativa? Essere arrabbiati – in modo sano – può aiutare a cambiare in positivo: non è raro, infatti, prendere delle decisioni che altrimenti non avremmo mai avuto il coraggio di prendere. L’importante è usare la rabbia in modo positivo e costruttivo, in modo tale da realizzare un cambiamento in meglio.

    5. Non ascoltare

    Non ascoltare gli altri può non essere un comportamento arrogante o antisociale come, spesso, si crede: può capitare, infatti, che sia meglio seguire il proprio istinto piuttosto che dei consigli sbagliati e che, quindi, capiti di ignorare le voci esterne. Cercate di capire quando è il caso di agire in questo modo e di essere saggi.

    6. Non adattarsi

    Non adattarsi alla società di oggi o ad alcune situazioni che si presentano nella vita può essere doloroso, ma non c’è nulla di più soddisfacente e positivo che pensare con la propria testa ed avere i propri ideali e valori da portare avanti: ciò potrebbe, infatti, portarci a scoprire nuove parti nascoste di noi e a far nascere un mondo nuovo e migliore, un piccolo passo alla volta.