5 trucchi per non perdere le proprietà nutritive dei cibi

Ci sono alcune strategie per fare in modo che i cibi non perdano le loro proprietà nutritive: cuocerli per intero, consumarli subito, aggiungere dell’aceto o del succo di limone.

da , il

    Una corretta alimentazione si basa anche sulla possibilità di usufruire delle proprietà nutritive dei cibi a vantaggio del nostro organismo. Si tratta di un punto fondamentale per assicurare il nostro benessere. Ecco perché questo fattore non deve essere sottovalutato, ma anzi si devono adottare tutti quei metodi adatti a fare in modo che gli alimenti che consumiamo possano apportare al nostro corpo tutte le sostanze, di cui abbiamo bisogno. Questo significa pensare alla nostra salute soprattutto in termini di prevenzione, perché la carenza di alcune sostanze è alla base di diverse malattie. Ma come fare nel concreto? Scopriamo insieme alcuni trucchi molto utili.

    Consumo rapido

    E’ importante consumare il più presto possibile gli alimenti che abbiamo comprato. L’ideale sarebbe fare la spesa ogni giorno, per avere sulla nostra tavola sempre cibi freschi. Tuttavia ciò non è sempre possibile, soprattutto per problemi di tempo. Per questo motivo siamo costretti a ricorrere a delle alternative. Da questo punto di vista molto utile è la conservazione corretta degli alimenti: questi ultimi devono essere collocati al fresco e consumati nel giro di quattro giorni. Se non possiamo fare in questo modo, abbiamo a disposizione l’opportunità dei surgelati.

    Aceto o succo di limone

    Con la cottura può accadere che alcuni cibi perdano parte delle loro sostanze nutritive. Possiamo evitare che ciò accada, ricorrendo ad un trucco molto facile. Si tratta di aggiungere all’acqua di cottura, anche per esempio delle verdure, un po’ di aceto o del succo di limone. Se si rende più acido l’ambiente di cottura, si evita che molti nutrienti si disperdano.

    Utensili da usare

    Un’altra strategia molto importante, per fare in modo che i cibi conservino intatti i loro valori nutrizionali, è quella di usare gli utensili giusti. A questo proposito va detto che, quando tagliamo la frutta o la verdura, non dovremmo mai usare coltelli d’acciaio. Con questi si corre il rischio che la parte tagliata dei cibi divenga più soggetta all’ossidazione. Sono invece da preferire gli utensili in ceramica oppure quelli in plastica. Magari risulteranno più scomodi, però sicuramente ci aiuteranno a proteggere di più ciò che mangiamo.

    Cottura senza tagli

    La regola principale sarebbe quella di evitare completamente di tagliare i cibi. Basti pensare che, se procediamo a cuocere gli alimenti, si rischia di perdere fino al 25% dei sali minerali e delle sostanze che essi contengono. Questo pericolo si può evitare cuocendo i prodotti interi, evitando così che i nutrienti si disperdano nell’acqua di cottura. Meglio rompere il cibo soltanto nel piatto.

    Fritture

    Spesso pensiamo che le fritture vadano bandite del tutto. In realtà non è sempre vero, perché, se friggiamo, perdiamo soltanto il 30% delle sostanze nutritive, il 20 in meno rispetto a quanto facciamo lessare un cibo. Sicuramente la frittura non è sempre salutare, anche perché favorisce l’aumento del peso corporeo. In ogni caso qualche volta possiamo concedercela, al posto del metodo ideale, che resta quello della cottura al vapore.