4 trucchi per sconfiggere con astuzia l’allergia al polline

Trucchi per sconfiggere con astuzia l'allergia al polline? Ecco dei modi efficaci per farlo.

da , il

    Trucchi per sconfiggere con astuzia l’allergia al polline? Per molte persone, primavera è sinonimo di allergia: temperature più calde, giornate più lunghe, sole splendente, il risveglio di fiori e natura e la comparsa delle… allergie! Questa stagione ha, senz’altro, i suoi pro ed i suoi contro – un po’ come tutte le altre, del resto – ma i soggetti allergici al polline, quasi certamente, hanno la bilancia che pende più verso i lati negativi, perché avere prurito agli occhi, il naso che cola e starnutire e tossire continuamente non è per nulla piacevole. Questi sono i sintomi della cosiddetta “rinite allergica” drasticamente in aumento, negli ultimi anni e destinata a crescere ulteriormente e colpire anche chi non ne ha mai sofferto finora. Esistono, però, dei modi efficaci per sconfiggere con astuzia l’allergia al polline. Quali?

    1. Rafforzare il sistema immunitario

    Il primo passo è quello di aiutare il vostro corpo: il sistema immunitario è, infatti, la chiave per sconfiggere il problema. Rafforzate l’organismo, proteggendo i batteri buoni nell’intestino sopravvissuti dopo anni di eccessiva pulizia ed uso spropositato di antibiotici. Come? Evitate di assumere farmaci, se non strettamente necessario e nutrite i batteri intestinali positivi mangiando cibi ricchi di fibre, come fagioli, cavolini di Bruxelles ed avocado.

    2. Conoscere il polline

    Per sconfiggere il proprio nemico, occorre conoscerlo bene: ad esempio, esistono dei cibi da evitare per l’allergia alla betulla e dei rimedi per l’allergia ai pollini. Cosa fare, quindi? Cercate di restare a casa durante i momenti in cui il polline è più presente nell’aria: solitamente, gli orari da evitare vanno dalle 5:00 alle 10:00 del mattino e, poi, nuovamente al crepuscolo. Potete, inoltre, cercare delle applicazioni online che vi indichino il livello di polline nell’aria: controllatelo prima di uscire di casa e sappiate che più alto è il numero, maggiore sarà la probabilità di starnutire.

    3. Indossare una protezione

    Prima di uscire, indossate una protezione. Qualche esempio? Un paio di occhiali da sole potrebbero essere di aiuto per proteggere gli occhi; mentre indossare un cappello aiuta ad evitare che il polline rimanga intrappolato tra i capelli. Se siete particolarmente sensibili, non escludete la possibilità di indossare una maschera per coprire naso e bocca, simile a quella utilizzata dai falegnami.

    4. Arrendersi alle medicine

    Se tutti i precedenti punti non hanno sortito particolare effetto in circa due settimane, l’ultima cosa da fare è quella di alzare bandiera bianca ed arrendersi ai medicinali: la guerra chimica potrebbe, infatti, essere l’unica arma da impugnare per avere un po’ di sollievo. In commercio, esistono spray nasali che sono in grado di ridurre il livello di infiammazione, ma sappiate che dovrete usarli quotidianamente durante la stagione dei pollini. Infine, potete assumere i classici antistaminici, nella quantità di una pillola al giorno.