3 modi per allenare il cervello alla felicità

Allenare il cervello alla felicità? Ecco alcuni consigli ed i modi per farlo con successo.

da , il

    3 modi per allenare il cervello alla felicità? Sì, avete letto bene… sembra impossibile, eppure si può! A scoprirlo – sebbene la filosofia orientale lo insegni da sempre – sono stati alcuni psicologi di Harvard: la felicità, infatti, è il risultato di un determinato modo di vedere la vita; un comportamento che si può imparare, semplicemente cambiando il proprio punto di vista ed essendo ottimisti e positivi. Il Time ha stilato una lista di atteggiamenti da tenere, basandosi sugli studi condotti e le pubblicazioni di psicologia in merito al tema della felicità. Ecco, dunque, alcuni consigli ed i modi per allenare il cervello alla felicità con successo.

    1. Pensare alle cose belle della giornata

    Il cervello può realmente essere educato alla felicità e all’ottimismo – o all’infelicità e al pessimismo – tramite determinati allenamenti. Il primo esercizio da fare è quello di pensare alle cose belle della propria giornata: per farlo, magari, prendete carta e penna o il vostro PC ed annotate, la sera prima di andare a dormire, almeno tre cose positive della giornata appena trascorsa e di cui siete grati. Spesso il bene viene sepolto dal male che, tendenzialmente, fa più rumore: accantonate il male e ricordate il bene. Cercate di vedere e di cogliere il bello che c’è nella vostra vita!

    2. Confrontarsi con gli altri

    Solitamente, si pensa che paragonarsi agli altri sia qualcosa di negativo, ma secondo gli psicologi statunitensi non è propriamente così. Il trucco? Confrontatevi con chi pensate sia peggiore di voi: questo atteggiamento, infatti – invece di avere un effetto negativo – pare sia un toccasana per l’autostima. Mettersi a paragone con chi è più bravo di noi può far sentire inferiori ed infelici; allo stesso modo, confrontarsi con chi lo è meno di noi può aumentare la nostra felicità.

    3. Ricordare ed analizzare positivamente gli eventi

    Infine, analizzate gli eventi della vostra vita e le cose che vi sono capitate, ma fatelo in modo positivo e dalla giusta prospettiva: spesso, infatti, osservare in maniera sbagliata gli eventi che ci travolgono è causa di depressione e di infelicità. Perché non cercare di guardare i lati positivi di ciò che ci è accaduto e ci accade? Ripercorrere determinati eventi, dopo molto tempo e con positività, aiuta a preservare la propria autostima: gli ottimisti lo fanno già, ma si può imparare ad esserlo, migliorando di fatto la propria vita. Siate ottimisti, sempre!