21 maggio, la Giornata Europea contro l’obesità

21 maggio, la Giornata Europea contro l’obesità

Il 21 maggio è la Giornata Europea contro l’obesità

da in Obesità, Sovrappeso
Ultimo aggiornamento:

    21 maggio giornata europea obesita

    Il 21 maggio ricorre la Giornata Europea contro l’obesità, che si configura, specialmente negli ultimi tempi, come una vera e propria patologia sempre più in aumento. Il fenomeno si riscontra maggiormente nei Paesi industrializzati, anche se le altri parti del mondo non ne sono escluse. Sulla questione è intervenuta anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha considerato il tutto come un’epidemia globale. Non dobbiamo infatti dimenticare che l’obesità può portare diverse conseguenze, mettendo a rischio il nostro stato generale di salute.

    L’occasione offerta dalla Giornata Europea contro l’obesità è quella di un’ingente manifestazione, affinché, anche tramite un’apposita petizione online, la Commissione Europea possa riconoscere l’obesità come una malattia cronica. D’altronde l’obesità è in aumento preoccupante in Europa.

    In Italia c’è un vero allarme obesità. Nella diffusione dell’obesità influiscono vari fattori rapportabili all’ambiente. Cibo spazzatura e alimenti pronti hanno avuto sicuramente la loro parte importante.

    A preoccupare gli esperti sono soprattutto l’obesità infantile e il sovrappeso che riguarda gli adolescenti. Proprio per questo servirebbero delle strategie applicabili a livello globale, in modo da puntare su uno stile di vita più adeguato, che sia basato su abitudini alimentari corrette e su una più intensa attività fisica.

    Le conseguenze dell’obesità

    Le conseguenze dell’obesità possono essere rappresentate da problemi di carattere respiratorio, come affaticabilità e apnea notturna. Altre conseguenze possono essere costituite da disturbi articolari, dell’apparato digerente e disturbi psicologici, i quali possono essere ricondotti ad un rifiuto del proprio aspetto fisico, perdita dell’autostima e senso di insicurezza.

    Altre conseguenze possono essere rappresentate da quelle metaboliche, dal diabete di tipo 2 o dall’ipercolesterolemia, dall’insufficienza cardiaca e dalle malattie cardiovascolari in generale, come l’ipertensione arteriosa o le coronaropatie.

    L’obesità influisce sulla vita sociale del soggetto, spingendo a rinchiudersi in se stessi e all’isolamento sociale.

    Chi vuole approfondire sull’obesità può leggere anche i seguenti articoli:

    Obesità infantile, troppi grassi e zuccheri per i bambini italiani
    Obesità: ecco che cosa la ricerca scientifica ha scoperto fino ad ora
    Combattere l’obesità camminando
    Scoperte le cellule che causano l’obesità
    Obesità e alterazioni cerebrali: secondo recenti ricerche sarebbero collegati
    Obesità infantile causata dal cattivo rapporto con la mamma

    513

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ObesitàSovrappeso
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI