2009: Anno Internazionale delle fibre naturali

2009: Anno Internazionale delle fibre naturali

L'anno 2009 è stato dedicato dalla FAO e dall'ONU alle Fibre naturali: la richiesta dal 2005, per aiutare i consumatori a formare una coscienza collettiva conscia dei vantaggi che la produzione naturale porta, ai singoli cittadini e alla collettività, per chi produce e per chi vive nll'inquinamento urbano

da in Benessere, Fibre, Inquinamento, Primo Piano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Cocco

    2009 “Anno internazionale delle fibre naturali”, a stabilirlo è stata la FAO, che ha valutato con deciso favore la proposta che l’Assemblea dell’ONU nei giorni scorsi ha rilanciato per la Dichiarazione del tema dell’Anno Internazionale 2009.

    Sviluppare e studiare alternative alla artificialità rivalutando le industrie agricole servirà non solo a ristabilire un equilibrio per chi nelle imprese agricole lavora, ma anche a migliorare la condizione ambientale del pianeta, concorrebndo infine a realizzare gli Obiettivi del Millennio.

    La richiesta di dedicare un anno alle fibre naturali era stata fatta dalla stessa Conferenza biennale della FAO quattro anni fa. Ora la dichiarazione del 2009 fa pensare che sarà notevole l’opera di sensibilizzazione che si va a fare sul consumatore.

    L’Anno Internazionale delle Fibre Naturali servirà a fare sì che il consumatore ne faccia sempre più rishciesta, in modo da migliorare l’impatto che l’agricoltura attualmente ha in percentuale sulla produzione industriale, con notevole vantaggio per l’ambiente.

    Per elencarle e capire l’importanza di uno sviluppo della filiera alternativa ricordiamo che sono da ritenersi fibre naturali il cotone, il lino, la juta, la raffia, la seta, la lana, la canapa, il cocco e la paglia.

    Sensibilizzare il consumatore il cotone, la lana, la iuta, la seta, il lino, la fibra di cocco, la canapa (FAO). Non tutte sono di origine vegetale, alcune, per esempio per citarne una, la seta, sono di origine animale.

    Esse sono impiegate in molti settori, non solo abbigliamento ma anche industria e beni in generale composti da tessuti e fibra, come complementi di arredo, etc.

    A guidare gli interventi per sensibilizzare sull’uso delle fibre naturali è a disposizione un Comitato Direttivo Internazionale, che fa da coordinamento generale alle iniziative. Informazioni sulle iniziative presso la sezione FAO italiana, al Fao point (+39) 06 570 53625.

    Fonte: FAO
    Foto: My Space

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereFibreInquinamentoPrimo PianoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI