18 cibi che tutti pensano siano sani ma in realtà non lo sono

Ci sono cibi spesso ritenuti sani nelle convinzioni comuni, ma che invece non presentano benefici per la salute. Sveliamo alcuni falsi miti in proposito.

da , il

    Alcuni cibi che tutti pensano siano sani, in realtà non lo sono, perché ad un’attenta analisi nutrizionale possono invece rivelarsi poco utili se non addirittura dannosi per il nostro benessere. Per un’alimentazione corretta è importante conoscere bene quello che mettiamo in tavola, e stare attenti a non farci ingannare dai falsi miti. E’ essenziale conoscere le caratteristiche nutrizionali degli alimenti che consumiamo, l’importante è sapere quali sono gli ingredienti di cui si compongono, a beneficio della nostra salute. Vediamo insieme 10 alimenti che sembrano sani, ma in realtà non lo sono.

    1. Pasta: un concentrato di carboidrati

    La pasta, tanto elogiata nell’ambito della dieta mediterranea, ad un’attenta analisi non si rivela altro che un concentrato di carboidrati, senza fibre, né vitamine né sali minerali. D’altronde la pasta è composta da un mix di farina bianca, unita all’acqua e alle uova (anche se in piccola percentuale).

    2. Pane bianco: una diversa forma di pasta

    Come la pasta, lo stesso si può dire del pane bianco, il quale non è altro che una pasta presentata sotto un differente aspetto. Anche in questo caso ci troviamo ad avere a che fare con un concentrato di carboidrati farinacei, che non rappresentano affatto l’ideale per l’equilibrio del nostro organismo.

    3. Formaggio fuso: sale a volontà

    Avete presente il formaggio fuso, di un colore giallo intenso, come quello che si usa per gli hamburger? Molto gustoso sicuramente, ma certamente poco salutare, visto le elevate dosi di sale che contiene. Non è sicuramente uno dei cibi sani da inserire nella dieta. Con due o tre fette di questo formaggio si può arrivare a superare il nostro fabbisogno giornaliero di sale e questo non è affatto a vantaggio della nostra salute. Sappiamo infatti quali sono le conseguenze di un elevato consumo di sale.

    4. Succo di frutta: dove sono le fibre?

    Quando si pensa al succo di frutta, si pensa immediatamente a tutte le essenziali e benefiche proprietà della frutta. Ma non è detto che sia così: il succo di frutta contiene molte vitamine, ma spesso è pieno di zuccheri e della polpa della frutta non c’è quasi traccia. In questo modo ci vengono a mancare le fibre, fondamentali per il benessere intestinale. Meglio consumare la frutta fresca che il succo.

    5. Arachidi: sale e grassi

    Le arachidi, un vero e proprio misto di sale e grassi, che non riesce a mantenere in un adeguato equilibrio l’apporto di grassi omega 3 e grassi omega 6. Il consumo di arachidi dovrebbe essere limitato o altrimenti basato su un consumo di frutta secca al naturale, senza sale aggiunto.

    6. Salsa di soia: ne vale veramente la pena?

    Mangiamo la salsa di soia e siamo con la coscienza a posto, pensando di stare facendo bene, di stare agendo in maniera salutare. Ma ne vale veramente la pena? Se analizziamo bene la questione e la composizione di questo tipo di salsa, ci accorgiamo che, non solo contiene una grande quantità di sale, ma sono presenti anche sostanze chimiche davvero deleterie per il nostro organismo. Per fortuna esistono delle norme restrittive, che impongono di limitare l’uso di queste sostanze, ma, in termini di costo – benefici, forse non ci guadagniamo molto.

    7. Soda dietetica: un inevitabile aumento di peso

    Spesso si ritiene che bevendo la soda dietetica, invece di quella con zucchero, si salvaguardi la salute. Ma non è affatto così, perché diversi studi hanno dimostrato che la bibita senza zucchero è responsabile di un inevitabile aumento del peso corporeo. Inoltre i dolcificanti artificiali utilizzati in questo tipo di bibite, come ad esempio l’aspartame, potrebbero giocare un ruolo di primo piano nell’influire sul rischio di insorgenza di determinate malattie.

    8. Ketchup: molto zucchero e pochi antiossidanti

    Il ketchup, essendo a base di pomodoro, dovrebbe contenere molti antiossidanti, come il licopene, in grado di esercitare una sostanziale azione in termini di prevenzione dell’invecchiamento. Il problema è però costituito dal fatto che il ketchup di cui facciamo uso spesso non è un prodotto così naturale, ma frutto di un’elaborazione che porta ad un elevato contenuto di zucchero e alla riduzione degli antiossidanti.

    9. Minestra: sale e conservanti in quantità

    E che ne pensate della minestra? Ci riferiamo in particolar modo a quelle già pronte, vero attentato alla salute a causa di sale e conservanti, a cui spesso non tendiamo a fare caso. Eppure ci sono. Il sale fa malissimo e costringe ad uno sforzo il lavoro dei reni.

    10. Oli vegetali: attenzione a quello dei fast food

    Si crede comunemente che gli oli vegetali siano sani. In realtà bisognerebbe su questo punto fare un po’ di chiarezza ed operare le opportune distinzioni. Quali oli ad esempio vengono usati nei fast food per friggere? Di solito si ricorre all’olio di palma, anch’esso un olio vegetale, che, riscaldato, non si rivela affato sano.

    11. Nutella: lo zucchero è il primo ingrediente

    Alcuni sono convinti che la Nutella non faccia male alla salute. Se si legge bene l’etichetta nutrizionale, ci si accorge che lo zucchero in essa costituisce l’ingrediente più abbondante.

    12. Cibi a basso contenuto di grassi

    Alcuni cibi, come qualche condimento, sono etichettati come “a basso contenuto di grassi”. Apparentemente potrebbe sembrare un elemento vantaggioso per la salute. Teniamo, però, presente che spesso questi cibi presentano un contenuto elevato di zucchero per compensare il gusto.

    13. Barrette di cioccolato nutrienti: spuntini non proprio sani

    Spesso come spuntino mangiamo delle barrette di cioccolato, che vengono definite nutrienti. Si tratta di uno dei cibi più pericolosi, uno snack di cui dovremmo diffidare, perché non è il massimo per restare in salute.

    14. Yogurt: un bel po’ di zucchero

    Anche lo yogurt viene da molti considerato un alimento che può fare bene. Tuttavia molti yogurt in commercio contengono un bel po’ di zucchero.

    15. Nettare d’agave: una quantità incredibile di fruttosio

    Può capitare di usare come dolcificante il nettare d’agave. Quest’ultimo, però, contiene una quantità incredibile di fruttosio. Non è detto che il nostro organismo riesca ad assorbirlo interamente.

    16. Pane ai cereali: controllare gli ingredienti

    Il pane ai cereali, che tutti ritengono possa essere un vantaggio per la salute, merita la nostra attenzione: dobbiamo controllare sempre gli ingredienti. A volte può capitare che, a dispetto della denominazione, vengano usati cereali raffinati.

    17. Insalata ranch: attenzione al condimento

    Il condimento per l’insalata ranch è uno dei più richiesti nell’alimentazione americana. Bisogna fare attenzione a questo condimento: non è detto che sia così salutare, anche se in molti lo consumano.

    18. Farina d’avena: attenzione agli zuccheri

    La farina d’avena, a differenza di quanto si possa pensare, conterrebbe molti zuccheri. Proprio per questo non si può includere fra i cibi più salutari.